Antaridi e Momini insieme per la Notte Verde

Nell'ambito della Notte Verde Europea di Forlì, Antaridi organizza, in collaborazione con la Bottega Artigianale e Associazione Culturale Momini e l'architetto Filippo Santolini, dalle 16 alle 21 in Corso Diaz un laboratorio dedicato ai bambini a partire dai 5 anni.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Sabato 5 maggio si terrà la prima edizione della Notte Verde Europea di Forlì, un evento che ha il duplice obiettivo di voler sensibilizzare i cittadini sui temi dell'energia, dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile e di stimolarli a vivere il proprio territorio con "intelligenza ecologica".

Nell'ambito del corposo programma, consultabile su www.notteverdeforli.it, Antaridi organizza, in collaborazione con la Bottega Artigianale e Associazione Culturale Momini e l'architetto Filippo Santolini, dalle 16 alle 21 in Corso Diaz il laboratorio dedicato ai bambini a partire dai 5 anni C'era una casa verde e carina. Sostenibilità in edilizia ed efficienza energetica a misura di bambino. Costruiranno una casa sostenibile e riceveranno un eco-gioco da fare a casa.

Promossa dall'Amministrazione comunale di Forlì, la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e la Camera di Commercio di Forlì-Cesena, in collaborazione con l'associazione Romagna Creative District, la società Romagna Innovazione , il GA/ER (Giovani Artisti dell´Emilia-Romagna) ed il gruppo di lavoro L'Arte di Innovare, la Notte Verde Europea di Forlì prende come principio ispiratore il tema della Settimana Verde 2011 di Bruxelles, ovvero "Use less and live better" (Usare meno e vivere meglio). In particolare l'iniziativa - che si svilupperà per 16 ore, a partire dalle ore 16.00 fino alle ore 8.00 del mattino successivo - mira a presentare progetti e proposte per migliorare il nostro territorio, a partire dal "SEAP", il piano di azione per l'energia sostenibile approvato dal Comune di Forlì, all'interno del "patto dei sindaci" promosso dalla Comunità europea, per ridurre le emissioni climalteranti del 20% entro il 2020; divulgare la conoscenza sulle energie sostenibili e sulle relazioni tra energia, emissioni climalteranti e ambiente; coinvolgere i cittadini, le imprese, la scuola ed il mondo associativo in un processo di partecipazione attiva.

Torna su
ForlìToday è in caricamento