Oltre 600 calici distribuiti e 1500 visitatori: i numeri della Tre Giorni del Sangiovese

La Tevla de Sdaz, cena in abito scuro sotto i portici della piazza di venerdì, ha visto la partecipazione di 240 ospiti, mentre sono 74 le persone che hanno partecipato alle cene itineranti di sabato, con assaggi gastronomici e di razionalismo accompagnati in visite guidate

Predappio archivia la decima edizione de I Tre Giorni del Sangiovese nel segno del successo, con la soddisfazione di aver visto riuniti in paese migliaia di estimatori del buon bere e della gastronomia di qualità. Arricchita da una tre giorni di anteprima, l’edizione 2015 della kermesse andata in scena dal 4 al 6 settembre ha visto distribuire 600 calici per le degustazioni in piazza Garibaldi, praticamente tutti quelli acquistati nel corso dell’anno, che corrispondono ben oltre i 1500 visitatori. La Tevla de Sdaz, cena in abito scuro sotto i portici della piazza di venerdì, ha visto la partecipazione di 240 ospiti, mentre sono 74 le persone che hanno partecipato alle cene itineranti di sabato, con assaggi gastronomici e di razionalismo accompagnati in visite guidate.

Domenica, infine, l'asta benefica di bottiglie con etichette artistiche realizzate dai Grovignani ha portato ad un incasso di 1.385,00 euro (con 13 partecipanti per 10 bottiglie in vendita), somma che verrà utilizzata per progetti educativi e culturali nelle scuole dell’Istituto comprensivo di Predappio. "Siamo molto soddisfatti – affermano gli assessori comunali alla cultura e al turismo Chiara Venturi e Gianni Flamigni - dell'esito di questa edizione, che ha registrato numeri record. Un programma innovativo sia dal punto di vista culturale sia turistico ha visto come protagonisti indiscussi l'ottimo Sangiovese delle cantine dell'Associazione per la promozione del Sangiovese di Predappio, l'enogastronomia con l'esaltazione di prodotti del nostro territorio, l'offerta musicale che ha accompagnato le serate in Piazza Garibaldi: tutti gli ingredienti fondamentali che caratterizzano l'indiscussa ospitalità della Romagna”.
 
Grande successo ha riscosso, in particolare, la serata di apertura con la cena organizzata dall'associazione "La Tevla de' Sdaz", con 240 commensali presenti. “La novità assoluta – prosegue l’assessore Venturi - resta la proposta enogastronomica-culturale di sabato: la prima cena itinerante con ‘assaggi di razionalismo’ del Museo Urbano di Predappio. Una sfida raccolta da ben 74 partecipanti, estasiati dalla scoperta di una Predappio insolita raccontata in visita notturna, abbinata ai piatti tipici della tradizione romagnola, preparati dal Gruppo Sportivo di San Savino. E, dulcis in fundo, la serata di domenica 6, che ha visto la partecipazione di tante persone all'asta delle 10 magnum offerte dalle 10 cantine dell’Associazione per la promozione del Sangiovese di Predappio, abbinate a 10 meravigliose opere dei Grovignani dipinte a mano”.
 
"Grazie a tutti coloro hanno partecipato a questa decima edizione – conclude Venturi - agli sponsor, ai ragazzi del Bar Italia che hanno riempito Piazza Garibaldi giovedì 3, alle aziende che hanno partecipato, all’Associazione per la promozione del Sangiovese di Predappio e al suo presidente Stefano Berti, ai Grovignani, al Gruppo Sportivo San Savino, alle Suore dell'Asilo Santa Rosa di Predappio, allo staff dell'Ufficio Cultura e Turismo del Comune di Predappio, ai volontari della Pro Loco di Fiumana e al Teatro delle Forchette, che insieme hanno lavorato per settimane per promuovere al meglio l'evento più importante e conclusivo della stagione estiva del Comune di Predappio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Giovane punta un euro al "10 e Lotto" e fa il colpo: "Gli tremavano le gambe dall'emozione"

  • Maxi-studio su 30 anni di cancro in Romagna: quanto ci si ammala e quanto si sopravvive, tumore per tumore

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

  • L'altra faccia dell'emergenza abitativa, l'odissea del locatore: "Casa sfasciata dopo lo sfratto"

  • Si schianta col Porsche Cayenne di un forlivese e lo abbandona in strada

Torna su
ForlìToday è in caricamento