rotate-mobile
Eventi

La Cena in bianco appassiona i forlivesi: svelata la data dell'evento

Tutto ecosostenibile. Tutto bianco e tutto rigorosamente portato da casa. Tra poco più di una settimana la città di Forlì avrà la sua Cena in bianco, idea che arriva dalla Francia

Tutto ecosostenibile. Tutto bianco e tutto rigorosamente portato da casa. Tra poco più di una settimana la città di Forlì avrà la sua Cena in bianco, idea che arriva dalla Francia, in particolare nella città di Parigi: le "Dîner en blanc" è infatti una vera e propria istituzione per i francesi. Sulla pagina Facebook dedicata all'evento è stata annunciata la data, tenuta segreta fino a lunedì. La cena si terrà venerdì 10 luglio, ma sul luogo ancora c'è il massimo riserbo.

L'evento è stato promosso dall'associazione di promozione sociale Un Secco No in collaborazione con Admo Associazione donatori midollo osseo). Nata nel 1988 dall'idea di uno chef parigino, François Pasquier, la cena in bianco è un evento che si ripete tutti gli anni da 24 anni riscuotendo ampio successo. L'anno scorso si sono raggiunte ben diecimila adesioni all'evento e la città di Parigi ha addirittura concesso l'utilizzo dei giardini del Louvre e della Cattedrale di Notre Dame, Forlì non sarà da meno.

DOVE: “La cena sarà organizzata in uno spazio pubblico, come vie o piazze, e una delle regole fondamentali da rispettare sarà la cura e la pulizia del luogo, quindi non rovinare un bene della città, pulire e portare via ciò che avanza. L'iniziativa non vuole essere solo un momento di aggregazione ma vuole anche insegnare ai forlivesi a vivere la città diversamente, a volere bene e rispettare gli spazi comuni”, si legge sulla pagina dell'evento.

COSA PORTARE: ogni partecipante o gruppo di partecipanti è necessario che si presenti poche ore prima dell'inizio della cena con sedie o panche, possibilmente bianche, e tavolo, quadrato o rettangolare, per avere la possibilità di unirli e vivere un momento di socializzazione e condivisione degli spazi della città in maniera differente. “L'allestimento dei tavoli è rigorosamente in bianco, tovaglie, tovaglioli devono essere di stoffa, i piatti bianchi in ceramica, bicchieri e bottiglie in vetro e posate in acciaio. plastica e carta sono bandite, e si lascia spazio ai materiali eleganti ed eterni perchè oltre ad essere esteticamente in linea con l'evento, non vanno buttati e non inquinano, promuoviamo l'ecosostenibilità. Sono gradite le candele, lanterne, vasi con fiori e centrotavola, tutto ciò che rende romanticamente scenografico il nostro tavolo, ogni accessorio o abbellimento non convenzionali sono ben accetti. Così come il posto è stato trovato allo stesso modo deve essere lasciato, è quindi necessario a fine evento smontare e riportare indietro tutto ciò che ci appartiene, evitando di lasciare rifiuti e segni di quel che è stata la nostra cena”, spiegano gli organizzatori.

CIBO: ogni partecipante dovrà improvvisarsi chef per una sera, e condividere con il resto degli invitati le sue prelibatezze, riempite i vostri cesti da pic nic e portate con voi anche acqua, birra o del buon vino rigorosamente in bottiglie di vetro, i superalcolici non sono ammessi.

ABBIGLIAMENTO: è fondamentale procurarsi abiti eleganti completamente bianchi, ogni idea o accessorio estroso e creativo è ben accetto, sempre che resti elegantemente in total white

PERCHE' LA CENA IN BIANCO: “I motivi che ci hanno spinto a prendere in considerazione tale evento sono stati molteplici, primo fra tutti è voler trasmettere ai cittadini di Forlì la necessità di riappropriarsi dei propri spazi e di creare aggregazione, al di là delle diversità, senza stereotipi e pregiudizi – scrivono gli organizzatori -. Quello che ci auguriamo è che si possa iniziare a vivere e vedere Forlì attraverso un'altra ottica, aprendosi alla novità e utilizzando al meglio gli spazi che il nostro territorio ci offre, sfruttando la convivialità in essere di una cena che non dimentica due dei capisaldi della tradizione italiana: la buona cucina e l'eleganza. L'idea nasce quindi dal rispetto e dall'esigenza di rinnovare i luoghi che abitiamo e scommette sulla partecipazione di una cittadinanza, che è tutto fuorchè assopita, ad un evento che riconosce l'importanza della tradizione, ma che sa andare oltre l'obsoleto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Cena in bianco appassiona i forlivesi: svelata la data dell'evento

ForlìToday è in caricamento