menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rocca San Casciano, presentato "Sangue Romagnolo" con Giancarlo Mazzuca

"Sangue Romagnolo non è un libro di storia su Benito Mussolini, Nicola Bombacci, Leandro Arpinati e Torquato Nanni, ma sull'amicizia fra quattro romagnoli, anzi, su quattro amici-nemici"

“Sangue Romagnolo non è un libro di storia su Benito Mussolini, Nicola Bombacci, Leandro Arpinati e Torquato Nanni, ma sull’amicizia fra quattro romagnoli, anzi, su quattro amici-nemici”. I giornalisti e scrittori Giancarlo Mazzuca e Luciano Foglietta hanno definito così la loro ultima fatica “Sangue Romagnolo”, presentato giovedì sera nella chiesa del Suffragio di Rocca San Casciano, di fronte ad un pubblico numeroso e attento che ha rivolto anche domande critiche agli autori, specialmente di carattere politico sulla “riabilitazione del duce”.

Mazzuca e Foglietta, intervistati dal giornalista Quinto Cappelli, hanno ribadito che il libro non vuole essere una ricerca storica o politica, ma “la descrizione di una caratteristica essenziale dei romagnoli: l’amicizia”. Su Mussolini hanno sostenuto la validità di alcune sue riforme sociali sul lavoro, la previdenza e il riscatto del popolo, mentre hanno condannato “la sua dipendenza da Hitler, con la conseguenza promulgazione delle leggi razziali e l’entrata in guerra al suo fianco.” La serata è stata introdotta da piccoli brani del libro letti da Giovanna Assirelli, Paola Malpezzi e Marzia Marchesini della compagnia teatrale degli “Intronati”, con scenografia a cura di Mariolina Ghetti.


Il sindaco di Rocca, Rosaria Tassinari, ha ringraziato i due autori, sostenendo che “la presentazione di libri nell'ambito della rassegna Autoritjnera sta avendo molto seguito ed è un modo per riportare la cultura in piazza, per trasformare i nostri luoghi in vivaci spazi culturali e di confronto". Al termine i presenti hanno assaggiato prodotti locali (cantuccini e vin santo), offerti dal ristorante La Pace. Il prossimo appuntamento è per martedì 14 agosto, quando sarà presentato il libro “Domenico Cappelli. Poesie scelte e vita dell’ultimo operaio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento