menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Ergastoli ostativi, una pena senza speranza

"Ergastoli ostativi, fine pena mai" è il titolo della conferenza organizzata dalla cooperativa sociale Gulliver, in collaborazione con l'associazione Papa Giovanni XXIII che si terrà venerdì alle ore 21

“Ergastoli ostativi, fine pena mai” è il titolo della conferenza organizzata dalla cooperativa sociale Gulliver, in collaborazione con l’associazione Papa Giovanni XXIII che si terrà venerdì alle ore 21 nella Biblioteca Magica di San Martino in Strada (viale dell’Appennino n. 496/B – ingresso adiacente al parcheggio della palestra).

L’evento si pone l’obiettivo di mettere in evidenza quelle forme di detenzione carceraria che non prevedono sconti di pena. “Pochi sanno – spiega Margherita Zaccarelli della cooperativa Gulliver – che i tipi di ergastolo sono due: quello normale, che pur nella sua durezza, lascia aperto uno spiraglio sul futuro e quello ostativo, una specie di condanna a morte, pur rimanendo vivo, senza nessuna speranza”.

All’incontro interverranno Nadia Bizzotto e Giuseppe Angelini dell’Ass. Papa Giovanni XXIII, che presenteranno i libri dell’ergastolano Carmelo Musumeci “Gli uomini ombra”, “Undici ore d’amore di un uomo ombra” e “Zanna Blu, le avventure”, quali base della discussione sul tema dell’incontro.

L’evento è inserito nella più ampia iniziativa “CarcereIntorno” in collaborazione con Associazioni Con…Tatto, San Vincenzo De’ Paoli e Gruppo Preghiera Monte Paolo ed è un ulteriore conferma dell’impegno profuso da diversi anni dalla cooperativa Gulliver con il mondo delle carceri e in particolare nell’inserimento lavorativo di detenuti all’interno del proprio laboratorio “RAEE in carcere”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento