rotate-mobile
Fiere

Dal modernariato alle auto d'epoca, torna a Forlì la Fiera del Vintage

Riapre la stagione fieristica forlivese con l'attesissima 16 edizione del salone-mercato "Vintage, l'arte che vive due folte", organizzata da Romagna Fiere.

Riapre la stagione fieristica forlivese con l'attesissima 16 edizione del salone-mercato “Vintage, l'arte che vive due volte”, organizzata da Romagna Fiere. Nel weekend il quartiere fieristico di Forlì tornerà con centinaia di padiglioni a raccontare un intero secolo di storia, in un viaggio attraverso la moda, il modernariato, gli articoli da collezione e pezzi di design che continuano ad avere un “respiro moderno”.

La fiera, che sarà aperta al pubblico venerdì dalle 14 alle 20 e sabato e domenica dalle 10 alle 20, si presenta ambiziosa più che mai e promette, col suo carnet di eventi, un clima di festa e di divertimento all'insegna di tutto ciò che è retrò. I visitatori, per la modica cifra di 7 euro o di 5 euro, qualora volessero scaricare il coupon riduzione sul sito www.fieravintage.it , potranno visitare questo ambiente internazionale, data la provenienza dei numerosi stand, che arrivano non solo dal forlivese e dalla Romagna, ma anche dal resto della penisola, e ammirare la grandissima varietà di prodotti messi in mostra che arrivano sia dall'Italia, che dall'estero.

Tante sono le aree da visitare nei padiglioni messi a disposizione per andare a caccia dell'articolo da collezione e per trovare un acquisto desiderato. L’area principale è dedicata all'abbigliamento e agli accessori appartenuti al secolo scorso. Questi cimeli, definiti vintage, che hanno segnato un’epoca per la bellezza e la qualità dei materiali con cui sono realizzati, sono ancora attualissimi grazie alla possibilità che offrono di reinventare uno stile personale ricercato e vivace. L'area vintage raccoglie capi e accessori risalenti ai primi anni '20 fino agli anni '90, dalle grandi firme straniere a quelle italiane, molti costosissimi ormai solo da collezione. “E tanti altri - come spiega Angelo Caroli, titolare di A.N.G.E.LO. – prodotti con una certa manualità e artigianalità che invece si possono ancora acquistare e indossare”. Molto ricercati tra le altre cose anche gli accessori, soprattutto gli occhiali e le borse, che potranno continuare ad essere sfoggiate nelle domeniche o nelle serate mondane.

Il Vintage non è solo sinonimo di passato o malinconia del tempo che fu, ma un nuovo modo per guardare al futuro: le sartorie creative e i designer mettono in vendita le loro creazioni, frutto di una rivisitazione di capi e di oggetti retrò in chiave moderna.Tutto può avere una nuova vita e acquisire un certo pregio, come, ad esempio, i serbatoi trasformati in lampade per comodini e i numerosi dischi di vinile che adesso appesi al muro fungono da orologi.

E ancora l'area collezionismo dedicata agli oggetti della memoria e alle curiosità del passato: piccoli antiquari e collezionisti espongono vinili, latte d'epoca, giocattoli antichi, profumi da collezione, radio, tv, fumetti, libri, per compiere un salto indietro nel tempo in un'atmosfera da marchè-aux-puces.

L'area modernariato&design è dedicato al design del Novecento e al modernariato, che vuole rappresentare la moda anche come stile e tendenza nell’arredamento d’interni. La creatività italiana ha contraddistinto la storia del design di tutto il XX secolo, con la capacità di anticipare gusti e tendenze e facendo conquistare al nostro Paese un ruolo di leader a livello mondiale in questo settore. Il design ha contribuito all’apertura verso la modernità e gli oggetti creati in quel periodo, frutto del talento di progettisti sensibili all’arte, sono entrati nella produzione industriale per diventare parte della vita quotidiana delle famiglie.

Ad accogliere il pubblico all'ingresso ci sarà una mostra sul tema floreale, chiamata "Forever flora". Il tema floreale ha punteggiato la storia della moda sbocciando in forme e colori diversi e A.N.G.E.L.O., famoso negozio di Lugo, che da non molto ha paerto i battenti anche a Faenza, vuole rendergli omaggio con una selezione di 9 abiti, tutti provenienti dal suo archivio storico,  dagli anni '20 fino agli anni '80. “Quest'anno – conferma  Caroli-  oltre a partecipare come espositore, propongo una mostra dedicata al tema dei fiorì, perché tema di moda riproposto in tutte le epoche, che celebrerò con vari pezzi pregiati. Il fiore è stato il punto di ispirazione per tutti gli stilisti in un momento in cui le fantasie avevano una prevalenza”. "Vintage. La moda che vive due volte" non è solo una mostra mercato di moda vintage, modernariato, remake e collezionismo, ma si caratterizza per un ricco calendario di eventi collaterali, concerti, concorsi, raduni e mostre, ogni anno diversi.

Per tutti gli appassionati delle auto e delle moto d'epoca, italiane ed europee, verrà realizzata, a cura di America Graffiti, in collaborazione con Graffiti Cruiser Car Club, una mostra che raduna all'esterno un centinaio di pezzi unici, aperta a tutti coloro che volessero parteciparvi mettendo in mostra il proprio gioiello. Sabato alle 15, si svolgerà il motoraduno: 1° Vintage Revolution Motorcycles Party aperto alla partecipazione di Harley-Davidson/ Custom Bikes / ‘Pre 80 Motorcycles/ Vespe & Lambrette, mentre domenica alle 10, sarà dedicata all’auto raduno  1° Vintage Revolution Cars Party, con auto americane ed Europee/VW Aircooled/Pre ‘80 Style.

“Sono un gande appassionato di auto e ruote - spiega Riccardo La Corte, patron di America Graffiti - soprattutto del mondo vintage, quindi dell'aspetto retrò. Ho dato il via all'esposizione pensando che potesse essere un modo per valorizzare questa bellissima fiera. Forlì è la mia città e io ci tengo in modo particolare a far crescere questa manifestazione. Il nostro scopo è sia promuovere una cultura del mondo motociclistico e automobilistico, sia far arrivare un pubblico maschile maggiore rispetto alle altre edizioni”.

E ancora un atteso evento musicale previsto per domenica, con l'esibizione di Charlie Thompson con “Benny And The Cats”, in un incontro musicale tra Italia e Regno Unito. “Forlì è sempre stato un punto focale dagli anni ottanta - commenta Luciano Lacchini, l'organizzatore dell'evento - quando il revival ha inciso un solco profondo nella rinascita della cultura del vintage, e legata agli anni del dopoguerra e del rock'n'roll. La spina dorsale di America Graffiti è il rock'n'roll, che si ritrova anche nei suoi prodotti e la musica per questa fiera ha significato molto in termini di affluenza, dato che una buona fetta di pubblico è sempre stata interessata ai nostri eventi. Grazie al supporto della fiera siamo riusciti a portare qui sui nostri palchi ospiti internazionali come Nikki Hill, e quest'anno Charlie Thompson con la sua country music. Ci sono anche i corsi di ballo, perchè le persone ultimamente si sono interessate moltissimo al revival del ballo".

La fiera si concluderà con l'assegnazione del premio “Stile di un'Epoca”, che andrà all'espositore che meglio si presenta con l'allestimento dello stand e con la qualità della merce esposta. Spesso si confonde vintage con usato, ma il vero significato di vintage è ciò che si vive e si ricorda, ciò che ha fissato lo stile di un epoca e ancora oggi influenzano la quotidianità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal modernariato alle auto d'epoca, torna a Forlì la Fiera del Vintage

ForlìToday è in caricamento