menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I Falò di Rocca ricevono il patrocinio del ministero

Il ministero per i Beni e le Attività Culturali ha concesso il patrocinio alla manifestazione per il suo particolare valore culturale. "Una soddisfazione", spiega l'assessore al Turismo, Riccardo Ragazzini

Mentre fervono i preparativi per la Festa del Falò, in programma dal 13 al 15 aprile nel cuore dell’antica Romagna-Toscana a Rocca San Casciano, la Città del Fuoco, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha concesso il patrocinio alla manifestazione per il suo particolare valore culturale. “Una soddisfazione - spiega l’assessore al Turismo, Riccardo Ragazzini - per il lavoro svolto e per l’accezione, sociale e culturale oltre che ludica, della manifestazione”.

“Sicuramente una bella notizia - commenta il sindaco di Rocca San Casciano, Rosaria Tassinari - che porta ad una valorizzazione di questa festa, legata alla simbologia del fuoco e a come l’uomo riesca a gestire e governare uno degli elementi fondamentali della natura. Un riconoscimento qualificante per la nostra comunità che tanto si è spesa per rendere attuali le nostre tradizioni. Tradizioni che non si ereditano bensì si conquistano”.

L’evento è preceduto dalla preparazione delle due enormi pire, festeggiata a Pasquetta, il 9 aprile, con Aspettando il Falò. Mentre sulle rive del fiume Montone si costruiscono i pagliai la Città del Fuoco apre le porte agli amanti dello sport per una giornata all’insegna del divertimento e della natura. Venerdì 13 dalle 20 si aprono le sfide con MangiaFalò, la seconda gara nazionale fra mangiafuoco e Artisti della Giocoleria col Fuoco.

Sabato 14 si affrontano i due rioni Borgo e Mercato: lungo le sponde opposte del fiume Montone in mezzo alle due tifoserie bruceranno i maestosi pagliai di ginestre (alti più di 8 metri).  Seguono le sfilate dei carri e di centinaia di figuranti in costume: musica e balli fino al mattino, rallegrati da botti, fuochi artificiali e golosi stand gastronomici. La danza del fuoco si chiude domenica 15 aprile, con i carri delle due fazioni rionali, scenografie, musica.


La Festa del Falò è promossa da Comune e Pro Loco di Rocca San Casciano, la Città del Fuoco, insieme a Rione Borgo e Rione Mercato, con i patrocini di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Emilia-Romagna, Provincia di Forlì-Cesena, Unione Montana Acquacheta Romagna-Toscana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento