menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il pianista Stefano Orioli al Teatro "Diego Fabbri"

Mercoledì, al teatro "Diego Fabbri" alle 21, si svolgerà il concerto del pianista forlivese Stefano Orioli che proporrà un repertorio dedicato al bicentenario della nascita di Franz Liszt

Mercoledì, al teatro "Diego Fabbri" alle 21, si svolgerà il concerto del pianista forlivese Stefano Orioli che proporrà un repertorio dedicato al bicentenario della nascita di Franz Liszt. L'ingresso è libero. Il programma prevede i seguenti pezzi pianistici: Ballata di Liszt (1853), Toccata e fuga in Re minore di Bach trascritta per pianoforte da Ferruccio Busoni”, Sonata di Liszt (1853).
Stefano Orioli, nato nel 1955, vive a Forlì. Si è diplomato con lode al Conservatorio "G.B. Martini" di Bologna, perfezionandosi poi con Guido Agosti all'Accademia Chigiana di Siena.

Laureato con il massimo dei voti al Dams di Bologna con una tesi sul musicista forlivese Cesare Martuzzi è docente di pianoforte principale al Conservatorio "G.B. Martini" di Bologna. Vincitore della Coppa pianisti d'Italia nel 1975, ha vinto il secondo premio internazionale al concorso Valentino Bucchi di Roma con il duo pianistico insieme a Mauro Landi, Primo premio al concorso di musica da camera di Caltanissetta nel 1985 e Primo premio al concorso "Bela Bartok" di Roma nel 1988. Concertista di fama nazionale, è stato chiamato in Europa in diverse tourné.


Il concerto rappresenta il secondo appuntamento della rassegna musicale “A Teatro con le Circoscrizioni” aperta il 30 novembre dal “Concerto lirico-vocale” realizzato in collaborazione con la Fondazione Arena di Verona per ricordare Carlo Alberto Cappelli e seguito da un pubblico numeroso. La rassegna è organizzata dagli Assessorati al decentramento e alla cultura, dalle tre circoscrizioni cittadine in collaborazione con i Comitati di quartiere Ravaldino, San Pietro, Spazzoli - Campo di Marte - Benefattori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento