Istituto Artusi e Lions Club celebrano a tavola il bello e il buono

Per questa serata in cui il bello e il buono si danno appuntamento a tavola, gli studenti provetti chefs delle classi 4H e 4D

Una serata conviviale all’insegna del bello e del gusto è quella che l’Istituto Alberghiero “P. Artusi” di Forlimpopoli ospiterà giovedì alle ore 20 in occasione dell’intermeeting dell’associazione Lions Club Forlì Host, presieduta da Gabriele Zelli, insieme con le delegazioni del Lions Club Cesena e del Lions Club Valle del Savio. L’ampia attività filantropica dell’associazione forlivese, che con i suoi oltre cento venti iscritti ha festeggiato nell’ottobre scorso le sessanta candeline, si inserisce nella profonda vocazione sociale dell’etica lionistica che, oltre a promuovere services per affrontare le grandi emergenze di carattere umanitario, medico e sociale, è impegnata nell’organizzazione di meeting ed iniziative a carattere culturale o ludico a sostegno della comunità e volti a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico della città. Ed è proprio questo il fulcro della serata interamente dedicata ad un prestigioso evento culturale che vede Forlì protagonista a livello nazionale: la mostra “L’Eterno e il Tempo tra Michelangelo e Caravaggio” da poco inaugurata nei Musei San Domenico.

Per questo, a Gianfranco Brunelli, curatore e alla direzione generale della mostra, sarà affidato il compito di guidare i commensali alla scoperta di questo itinerario espositivo, che per la prima volta in maniera compiuta mette in scena il fascino di un secolo compreso tra un superbo tramonto, l’ultimo Rinascimento, e un nuovo luminoso orizzonte, l’età barocca. Per questa serata in cui il bello e il buono si danno appuntamento a tavola, gli studenti provetti chefs delle classi 4H e 4D, sapientemente coordinati in brigata dai loro docenti Giovanni Merli e Domenico Tampieri, hanno ideato un menu all’insegna della tradizione, della stagionalità e del territorio. A seguire l’aperitivo di benvenuto a buffet sarà una crema di zucca con gnocchetti di ricotta, per poi gustare passatelli all’uso di Romagna con spinaci, guanciale croccante e fonduta di parmigiano, seguiti da lombatina di coniglio farcito al bottaggio, cipolline in agrodolce e patate Maxime per concludere con le note cremose di cioccolato fondente, brownies e sorbetto di lamponi.

Il servizio a tavola verrà curato dagli studenti delle classi 3^C e 4^E dell’indirizzo sala-vendita sotto gli occhi attenti del loro docente maître Stefano Buda e l’accoglienza degli ospiti sarà a cura dei ragazzi della classe 3^B dell’indirizzo di ricevimento, supervisionati dalla prof.ssa Erminia Uzzo. “Si tratta di un evento conviviale importante – commentano Gabriele Zelli, Presidente del Lions Club Forlì Host e il Dirigente Scolastico Giorgio Brunet – che vede riuniti a tavola la cultura del bello e del territorio, da sempre tra i valori dell’associazionismo lionistico, con la cultura del gusto interpretata dall’Istituto “Pellegrino Artusi”, eccellenza indiscussa nella formazione dei futuri professionisti dell’arte culinaria e dell’ospitalità alberghiera”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I suoi nudi artistici fanno il giro del mondo, ma lei ha scelto Forlì: "La Romagna mi ha adottata"

  • Sciagura sui binari, morto un giovane travolto da un treno: traffico paralizzato per ore

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Le rubano una bici elettrica, coppia finisce nel mirino della Polizia

  • Pizza napoletana per la ricerca contro il Coronavirus: "Divieto ai cinesi? Chiedo scusa"

  • Forlimpopoli, brucia il tetto di un'abitazione: vigile del fuoco resta ferito in una caduta

Torna su
ForlìToday è in caricamento