menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Settimana del Buon vivere", 17mila presenze: e ora si vola in India

Bilancio dei i promotori dell'evento, che ora si preparano alla prima partnership internazionale. Il 25 ottobre a Bangalore (India) con il Vaticano. Coinvolte decine di giovani tra i volontari

Si conclude con numeri esponenzialmente in crescita la seconda edizione della Settimana del Buon Vivere: più di 17mila presenze, 72mila se si includono tutti gli eventi partner. Grande soddisfazione tra i promotori che ora si preparano alla prima partnership internazionale. Il 25 ottobre Monica Fantini è stata invitata a Bangalore (India) dove l'esperienza di Forlì-Cesena e della Settimana sarà presentata nel corso di un convegno organizzato da Pontificio Consiglio della Cultura, Christ University e “Dharmaram Vidya Kshetram” .

La seconda edizione della Settimana del Buon Vivere si è svolta dal 3 al 9 ottobre 2011 a Forlì e Cesena. Oltre 17mila le presenze registrate negli eventi promossi direttamente dalla Settimana, più di 72mila se si considerano anche tutti gli eventi partner. Duemila gli studenti - dalle primarie all'Università - che hanno partecipato alle iniziative a loro dedicate per la promozione degli stili sani di vita come Prevescuò, Frutta nelle Scuole e La Salute sale in cattedra.

In conferenza stampa il sindaco Roberto Balzani ha spiegato che si tratta di “una operazione originale con buona visibilità, una risorsa della città. Le buone idee riescono anche senza grandi risorse”. Da parte sua ha fatto eco Monica Fantini, direttore Legacoop: “Non è in festival, è un evento di creazione di benessere. Ringrazio tutti i 90 volontari”. L'ex sindaco Nadia Masini, presente come presidente della Lilt ha parlato di “grande maturità della città”. Liviana Zanetti, presidente di Apt spiega che intorno a questa esperienza si può creare “una filiera turistica del buon vivere”.

Decine di giovani volontari, quasi cento, che hanno donato gratuitamente il proprio tempo e le proprie energie per la buona riuscita della manifestazione animando con entusiasmo tutte le iniziative. «A loro - dice Monica Fantini, ideatrice della Settimana e direttore di Legacoop Forlì-Cesena, che con LILT e IRST promuove l'iniziativa - va il nostro primo e più sentito ringraziamento, insieme a tutti coloro che hanno creduto nella nostra sfida». Tra gli eventi più seguiti la giornata di sabato, conclusa con la Notte del Buon Vivere, gli spettacoli al Teatro Fabbri di Ivano Marescotti e Ruggito del Coniglio, l'inaugurazione con Serena Dandini in un salone comunale strapieno e le varie iniziative legate al Campus Cloud del 5 ottobre.

I numeri sono esponenzialmente in crescita rispetto all'edizione 2010 della Settimana, una sorta di numero zero che era servito per sperimentare il format e aveva totalizzato 3.500 presenze. Quest'anno gli eventi in programma erano una settantina, con un centinaio di ospiti nazionali e internazionali provenienti da Stati Uniti, Francia, Danimarca, Regno Unito e la collaborazione di docenti di Università prestigiose come Yale, UCLA, Bologna, Venezia e Trento. Poco meno di ottomila i visitatori del sito, provenienti da 42 paesi diversi, con oltre 30mila pagine viste. Oltre 750 i fan su Facebook, più che raddoppiati rispetto alla scorsa edizione.

L'esperienza della Settimana del Buon Vivere a Bangalore (India) dal 25 al 29 ottobre. Il successo dell'iniziativa e la copertura data dai media nazionali e locali ha già portato l'interesse di numerose realtà disposte ad avviare progetti di partnership. Un primo risultato concreto si vedrà dal 25 al 29 ottobre: Monica Fantini è stata invitata a Bangalore (India) alla conferenza internazionale “Strong Global Economic System: revealing the logic of gratuitousness in the market economy”, promossa congiuntamente dal Pontificio Consiglio della Cultura, il pontificio ateneo della filosofia, teologia e diritto canonico 'Dharmaram Vidya Kshetram' e la Christ University di Bangalore. Monica Fantini è stata chiamata dal Pontificio Consiglio, partner della Settimana del Buon Vivere, a presentare i valori su cui si basa l'esperienza economica del distretto di Forlì-Cesena . basata su un mix di cooperazione, industria, terzo settore e volontariato . e l'esperienza di promozione di tali principi che si è concretizzata nella Settimana del Buon Vivere. Sono attesi rappresentanti da 30 Paesi e 50 delegati da diverse parti dell'India.

A Forlì-Cesena una settimana di grandi ospiti internazionali
La Settimana è stata una carrellata di ospiti e attrazioni di richiamo come Serena Dandini, Massimo Cirri (Caterpillar), il Ruggito del Coniglio, Ivano Marescotti, Raul Cremona, Simona Branchetti del TG5, il vicedirettore del TG3 Giuliano Giubilei, l'economista Stefano Zamagni, Federico Quaranta (Decanter), la comunità di San Patrignano. Grande successo anche per gli appuntamenti scientifici e le tavole rotonde che sono state animate da un gruppo di relatori che ha incluso Stephen Kellert dell'università di Yale,  il professore di medicina ambientale dell'Università della California Richard J. Jackson, monsignor Franco Perazzolo del Pontificio Consiglio della Cultura, la nutrizionista di Uno Mattina Sara Farnetti, il massmediologo Enrico Menduni, la regista Stefania Casini, l'esperto di evidence based design Michael Mehaffy, l'oncologo Dino Amadori, il medico dello sport Alfredo Calligaris, il presidente dell'ISTAT Enrico Giovannini, il fondatore di Technogym Nerio Alessandri, il presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani, gli attori Claudio Casadio e Daniela Piccari, la vicepresidente di Publicis Rossella Gasparini, l'esperto di comunicazione di SCS Phil Taylor, l'artista Massimo Sansavini, il direttore generale dell'Agence Nationale des Services à la Personne Olivier Wickers e un gruppo di accademici delle università di Bologna, Trento e Venezia come Gino Malacarne, Renato Troncon, Enrico Sangiorgi e Gaddo Morpurgo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento