menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scocca l'ora della Festa Artusiana: 9 giorni dedicati al cibo

È la Festa Artusiana, dal 16 al 24 giugno 2012, appuntamento che rende onore all'autore de "La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene", volume che ha 'allevato' generazioni di famiglie della nostra penisola

Una città da assaggiare, presi per mano da un personaggio molto speciale: Pellegrino Artusi. Padre indiscusso della gastronomia italiana, Artusi sarà l’ispiratore di nove giorni di degustazioni, spettacoli, concerti, incontri, mostre, nella sua cittadina natale, Forlimpopoli (Fc). È la Festa Artusiana, dal 16 al 24 giugno 2012, appuntamento che rende onore all’autore de "La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene", volume che ha ‘allevato’ generazioni di famiglie della nostra penisola.

Durante i nove giorni della Festa, si alterneranno oltre 150 appuntamenti fra laboratori e degustazioni, e una ventina di incontri imperniati sulla cultura del cibo. Un grande palcoscenico ai piedi della rocca trecentesca, che si trasforma in un luogo d’assaggio, dove le strade vengono rinominate e i vicoli e le piazze si caratterizzano come veri e propri percorsi gastronomici, in uno scenario a tema. Tutto questo grazie a oltre 60 ristoranti allestiti appositamente per la festa che si aggiungono a quelli già attivi a Forlimpopoli.

Peculiarità dell’appuntamento artusiano, inoltre, è quello di affiancare il cibo inteso come piacere del palato, alla riflessione culturale e sociale della tavola: al suo uso consapevole, la sua sostenibilità ambientale, la tipicità, per citare alcuni temi. In questa direzione, diversi gli appuntamenti e gli incontri di alto livello, in compagnia di studiosi e docenti universitari.

A Simonetta Agnello Hornby e Vito il Marietta ad Honorem
Due personaggi conosciuti al grande pubblico, uniti da una comune passione: il piacere della tavola. Sono il tratto che unisce la scrittrice Simonetta Agnello Hornby e il comico Stefano Bicocchi, più celebre come Vito, vincitori del premio Marietta ad Honorem. Un riconoscimento, il Marietta ad Honorem, attribuito a personalità che, con modalità differenti, contribuiscono alla diffusione della conoscenza della cultura del cibo. Questo Premio è un omaggio a Marietta Sabatini, la fedele governante dell’Artusi, che ha condiviso e provato in cucina centinaia e centinaia di ricette dando vita al celebre Manuale artusiano. Simonetta Agnello Hornby è una scrittrice di talento, siciliana d’origine inglese d’adozione, di recente autrice del volume “Cucina del buon gusto” (Feltrinelli editore). Stefano Bicocchi più celebre come Vito, ha trasferito la sua comicità nei numerosi programmi televisivi sulla cucina e nel volume “E’ pronto in tavola”. Entrambi saranno a Forlimpopoli alla consegna del premio domenica 17 giugno alle 20,00 a Casa Artusi. A condurre la premiazione Enrico Zambianchi.

Finale del Premio Marietta
Domenica 17 giugno alle 20,00 ci sarà l’epilogo del Premio Marietta, il concorso nazionale per cuochi dilettanti dedicato alla fedele governante dell’Artusi, Marietta Sabatini. Di scena i cinque finalisti, invitati nella scuola di cucina di Casa Artusi a realizzare i loro piatti, ispirati al celebre manuale artusiano. A giudicarli sarà una giuria di esperti guidata da Verdiana Gordini, Presidente dell’Associazione delle Mariette. Il Premio Marietta è promosso dal Comune di Forlimpopoli in collaborazione con l’Associazione delle Mariette che opera a Casa Artusi.

Casa Artusi: gli incontri nel cuore della Festa
Primo centro di cultura gastronomica dedicato alla cucina domestica italiana, Casa Artusi sarà il punto di riferimento della Festa Artusiana, con percorsi di conoscenza e degustazione, insieme ai protagonisti dell’enogastronomia nazionale e internazionale.

La festa si apre con un incontro dei food-blogger (sabato 16 giugno 18,30). Uno dei meriti di Pellegrino Artusi è stato quello di aver inaugurato il genere letterario moderno della «scrittura di cucina». Gli innumerevoli epigoni, anche coloro che hanno sviluppato contributi originali, hanno dovuto fare i conti con il testo e la lezione artusiana. Tuttavia un aspetto è sembrato –fin qui- non riproducibile: lo scambio di idee e suggerimenti tra lo scrittore e i suoi lettori, che ha contribuito ad alimentare quell’opera in divenire che è La scienza in cucina. Anche in questo Artusi è stato anticipatore; oggi, infatti, la dimensione sociale e condivisa della scrittura, favorita e promossa dagli strumenti tecnologici del cosiddetto web 2.0, sembra un elemento “naturale” dello scambio tra chi scrive (se volete “chi produce contenuti”) e chi legge (chi fruisce di quei contenuti). Ne parleranno alcuni dei più interessanti ad attivi food-blogger italiani. Il programma completo sarà presto disponibile sul sito www.casartusi.it
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento