menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Provincia spalanca le porte, giovedì l'open day

Giovedì 10 novembre la Provincia di Forlì-Cesena organizza ProvinciAperta, un'innovativa modalità per dialogare con cittadini, imprese, portatori di interessi e altri enti locali

Giovedì 10 novembre la Provincia di Forlì-Cesena organizza ProvinciAperta, un’innovativa modalità per dialogare con cittadini, imprese, portatori di interessi e altri enti locali. Sarà l’occasione per mettere in mostra, in modo creativo, la variegata attività dell’ente a favore della comunità. In questo momento, in cui sono al centro del dibattito il ruolo e il futuro delle Amministrazioni Provinciali, la Provincia di Forlì-Cesena mira a rafforzare il legame col territorio, illustrando chi è e cosa fa attraverso una giornata dedicata.
 
Nel 2010 sono stati 16.928 gli utenti che hanno avuto accesso alla portineria della Residenza Provinciale. Il sito internet conta 1.028.000 accessi annui. L'Urp, ufficio relazioni con il pubblico, ha contato circa 3.000 contatti e ricevuto 1.336 schede di customer satisfaction. Dai Centri per l’impiego, poi, sono transitate 23.997 persone nel solo primo semestre 2011. Per andare al di là di questi rilevanti numeri, e far conoscere nel dettaglio le attività che la Provincia di Forlì-Cesena svolge anche al di fuori della già vasta cerchia dei soggetti che sistematicamente usufruiscono dei suoi servizi, è stata ideata l’iniziativa ProvinciAperta , la prima edizione dell’ “open day” dell’ente, in cui tutti i suoi uffici “si mettono in vetrina” e illustrano il lavoro svolto e i risultati conseguiti. Si tratta del primo esperimento del genere in Italia per un ente provinciale.
 
Dal lavoro alla viabilità, dall’agricoltura alle attività turistiche, dall’ambiente alla protezione civile, dalla formazione al servizio civile: sono molteplici i campi di intervento della Provincia. Spesso il cittadino si rapporta alla struttura burocratica per la sua pratica di interesse, non cogliendo nella loro interezza le numerose attività su cui si dispiegano le politiche dell’Amministrazione provinciale. ProvinciAperta sarà quindi un momento di sintesi e di unità. Giovedì 10 novembre, dalle 9,30 alle 16,30 i vari Servizi che compongono la Provincia di Forlì-Cesena propongono una serie di iniziative comprese in un programma serrato e rivolto a tutti i tipi di pubblico, che si svolge nella Residenza provinciale (piazza Morgagni 9), nella sede di fronte dell’Agricoltura e delle Politiche sociali (piazza Morgagni 2) e all’esterno in tutta la piazza Morgagni. In uno spazio concentrato, con presidente e assessori che si prestano come “guide”, saranno visibili le principali attività svolte dall’ente attraverso allestimenti, postazioni informative, ma anche animazioni, piccole degustazioni, convegni e presentazioni di nuovi servizi.

Commenta il presidente della Provincia di Forlì-Cesena Massimo Bulbi: "Molti si chiederanno che senso ha questa iniziativa nel momento in cui si è decisa l'abolizione delle Province. Da parte nostra siamo sereni, non dipende da noi l'iter di revisione del ruolo delle province". Il presidente Bulbi ha ricordato, invece, che "anche da un recente sondaggio della Confesercenti il ruolo delle Province è apprezzato da molti cittadini" e che "sul coordinamento e la programmazione non potrà non esserci un ente intermedio". Questo l'esempio di Bulbi: "Ci stiamo accingendo a rivedere la programmazione commerciale provinciale: cosa sarebbe senza il coordinamento provinciale? Che ogni Comune si fa un piano da solo e che spuntano cento iper sul territorio?". Oppure il piano dei rifiuti: "E' impensabile che ogni Comune possa pensare da solo allo smaltimento". Essendo un momento di ristrettezze economiche, precisano gli assessori che hanno curato l'open day provinciale, Luciana Garbuglia e Denis Merloni: "Grazie alle sponsorizzazioni e alla denazioni il costo dell'iniziativa è di appena 184 euro, le tasse che i Comuni ci hanno chiesto per le affissioni".

Dopo l’inaugurazione, a cura del presidente della Provincia di Forlì-Cesena Massimo Bulbi, prevista per le ore 10, si sviluppa un programma che dura tutta la giornata. Partendo da piazza Morgagni, si potranno vedere in mostra i mezzi della Protezione civile, scoprire se si conosce ancora il codice della strada, grazie all'Osservatorio sulla sicurezza stradale, prendersi un impegno per il risparmio di energia con il set fotografico “Facce energetiche” e assaggiare le “Torte differenziate”, mangiando gli stessi grafici a torta che illustrano l’andamento della raccolta differenziata dei rifiuti. E ancora: saranno allestite le postazioni delle organizzazioni che fanno parte del Tavolo Verde, in una vera vetrina dell’agricoltura provinciale, dei prodotti tipici e delle fattorie didattiche. In piazza Saffi sarà presente, infine, un punto informativo con i mezzi della Polizia Provinciale.
 
Il Palazzo provinciale, invece, vedrà un variopinto allestimento delle attività di alcune scuole e degli enti di formazione, strutture che collaborano intensamente e tutto l’anno con la Provincia: dalle sfilate degli alunni che studiano la moda alle istallazioni artistiche di quelli del Liceo artistico e Liceo musicale, dalle “tecnologie del sorriso” degli studenti di Odontotecnica alla presentazione dell’attività degli enti di formazione, come le officine meccaniche, la ristorazione, le cure estetiche. Ma non finiscono qui le attività della Provincia per le scuole: all’ “open day” vengono presentati tutti i servizi online di Delfoscuola (ore 12,30) e gli strumenti più innovativi per operare anche via Facebook le ricerche di libri nelle biblioteche pubbliche.
 
Anche i servizi che riguardano il lavoro si mettono in mostra in modo creativo, con la tecnica del playback theatre di improvvisazione teatrale e le consulenze formative a manager e aziende, senza dimenticare tutti quei servizi in cui l’ “individuo è al centro (per l'impiego)”, tra cui il sostegno su come redigere il proprio curriculum di lavoro, affrontare un colloquio di selezione, leggere e rispondere ad un'inserzione di lavoro. Tutto il palazzo accoglierà inoltre vari punti informativi: da quello su turismo e territorio, nell’ingresso, a quelli sullo sportello Suap, sui fondi Ue per le imprese e quello che illustra, mediante una galleria di manifesti, che cos'è e come funziona la Provincia. Il cortile interno accoglierà piccoli punti di ristoro a cura delle Pro Loco dell’Unpli. Si passa poi ad agili convegni per illustrare i progetti in cantiere: alle ore 11 il progetto 'Rilfedeur', (la segnalazione informatica di degrado urbano), alle ore 12.30 la presentazione delle opere pubbliche realizzate, dal titolo 'Prima e dopo: strade e scuole del territorio per immagini'.
 
Infine, la sede di piazza Morgagni 2 accoglie ulteriori dimostrazioni e presentazioni: dall’ “Agricoltura per immagini” alle cartografie delle aree protette e della caccia. E ancora: la postazione illustrativa delle opportunità per i giovani con il servizio civile e quella che presenta i dati dell’Osservatorio sulla casa in provincia. Anche in questo caso non mancano convegni e presentazioni in anteprima: alle ore 11.30  il 'Web GIS', con la presentazione pubblica del nuovo progetto di cartografia digitale interattiva. Alle ore 15, evento che conclude ProvinciAperta, la tavola rotonda, con la partecipazione del Presidente della Provincia Massimo Bulbi, su temi economici di attualità e sull’Atlante della programmazione territoriale della Provincia di Forlì-Cesena 2011.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento