rotate-mobile
Manifestazioni

"Innovazione responsabile": tutta l'arte della città a disposizione dei visitatori

Una delle parole chiave della due giorni sull’“Innovazione responsabile” del 17 e 18 maggio è “creatività”; non deve quindi stupire che in occasione della manifestazione le mostre in corso in città amplino appositamente il proprio orario di apertura e che altre mostre vengano allestite per l’occasione

Una delle parole chiave della due giorni sull’“Innovazione responsabile” del 17 e 18 maggio è “creatività”; non deve quindi stupire che in occasione della manifestazione le mostre in corso in città amplino appositamente il proprio orario di apertura e che altre mostre vengano allestite per l’occasione. Oltre alla grande mostra “Novecento. Arte vita in Italia tra le due guerre” in corso presso i Musei San Domenico, che in occasione della Notte Verde di sabato 18 rimarrà aperta fino alle 24 (biglietteria fino alle 23) con visite guidate a partenza fissa alle 20.30 alle 21 e alle 21.30, lo stesso sabato sarà possibile visitare fino alle 23 la mostra di scultura “L’azdora, la ballerina, la donna… nell’arte di Wilfredo Garzanti” presso il Palazzo del Monte di Pietà (c.so Garibaldi 37), mentre l’esposizione all’Oratorio di San Sebastiano dedicata ai disegnatori di Pinocchio, realizzata dall’ass. culturale “Il Glicine” con il patrocinio della Fondazione Nazionale “Carlo Collodi” e in collaborazione con il Museo Luzzati di Genova, rimarrà aperta sia il 17 che il 18 maggio dalle 9 alle 12,30, dalle 15 alle 19 e dalle 20,30 alle 23.

A Palazzo Foschi Numai (in via Pedriali 12) si potrà invece ammirare ”DONNE900” - mostra che conclude l’omonima rassegna organizzata dall’Associazione SvagArte, idealmente collegata alla grande Mostra sul Novecento – con opere di Roberta Grasso e Ivana Pantieri, dalle 16,30 alle 18, mentre presso la Sala San Mercuriale verrà organizzato appositamente per la due giorni il piccolo laboratorio di sedie d’arte “Artelibera Tutti - Ognuno al suo posto!/Ognuno ha il suo posto?” con l’esposizione delle opere realizzate all’interno del progetto di terapeutica artistica nella sezione femminile della Casa Circondariale di Forlì.

Tre le esposizioni presso la Rocca di Ravaldino a cura del Romagna Creative District: “Attraverso lo specchio”, a cura di Elisa Bacchi, “Back to the new Future”, esposizione dei progetti partecipanti al contest per Ravenna Candidata a Capitale Culturale Europea 2019, e “6 gradi di separazione a sviluppo immediato” a cura del Gruppo Polaser.

Tre anche le mostre in via Regnoli, con “Cinema amore mio”, mostra-installazione sul patrimonio cinematografico italiano a cura di Cinema amore mio e Regnoli41, “Street art - Ccenografie urbane”, esposizione di scenografie create dagli studenti di scenografia del melodramma per il conservatorio Bruno Maderna di Cesena, ovvero come innovare e riusare le belle arti come elementi d’arredo urbano e “Celati flussi” a cura dello Studio Siroscape, che in via Oreste Regnoli 3 ha curato un’installazione permanente all’interno di un giardino di inizio Novecento e di un ambiente dello studio di architettura.

La Sala Borsa della Camera di Commercio di Forlì-Cesena ospiterà infine, per la due giorni, una mostra di progetti innovativi vincitori di premi su Ambiente e Innovazione a cura di CISE, Asset Camera di Roma, Unioncamere Nazionale, ITS Modena Nuove Tecnologie per il Made in Italy - Sistema Meccanica e Materiali, ITS Parma - Produzioni e trasformazioni agrarie, agro-alimentari e agroindustriali, ITS Piacenza Mobilità Sostenibile, Logistica e Mobilità delle persone e delle Merci. Per il programma completo della manifestazione, ww.innovazioneresponsabile.it.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Innovazione responsabile": tutta l'arte della città a disposizione dei visitatori

ForlìToday è in caricamento