menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Notte Verde, in piazza Saffi il concerto del maestro Sabiu

Il programma della Notte Verde Europea che animerà il Centro Storico di Forlì dalle 16 di sabato 5 maggio al mattino di domenica 6 (l’ultimo evento avrà inizio verso le 7) è in dirittura d’arrivo

Il programma della Notte Verde Europea che animerà il Centro Storico di Forlì dalle 16 di sabato 5 maggio al mattino di domenica 6 (l’ultimo evento avrà inizio verso le 7) con più di 60 eventi (più di 80, in realtà, contando anche i concerti della Notte Blu, “gemellata” quest’anno con la Notte Verde) è in dirittura d’arrivo. Tra i suoi punti fermi si può, però, rivelare fin d’ora che a mezzanotte in piazza Saffi ci sarà un concerto di Marco Sabiu, il compositore e direttore d'orchestra forlivese divenuto celebre presso il grande pubblico grazie alle partecipazioni agli ultimi tre Festival di Sanremo ed al programma Domenica in, ma già noto in ambito musicale per le collaborazioni con artisti del calibro di Adriano Celentano, Luciano Ligabue, Luciano Pavarotti ed Ennio Morricone.

Per il suo primo concerto da solista nella città natale, Marco Sabiu ha pensato ad uno spettacolo multimediale, che lo vedrà sul palco al pianoforte insieme ad un quartetto d’archi, ma che lo vedrà anche duettare virtualmente con artisti come Christopher Lee (il grande interprete, tra gli altri, del Dracula di Fischer e di Saruman nella trilogia del Signore degli Anelli), Jon Anderson (il leggendario cantante degli Yes), Steve Hackett (l’inimitabile chitarrista dei Genesis) e Fede Poggipollini (immancabile chitarrista di Ligabue).

I brani saranno quelli dell’ultimo album di Marco Sabiu, Audio ergo sum, che fa riferimento alla locuzione Cogito ergo sum ("Penso dunque sono") con cui Cartesio esprimeva la certezza indubitabile che l'uomo ha di se stesso in quanto soggetto pensante. Similmente Marco Sabiu invita l'ascoltatore a prendere coscienza di se stesso come soggetto pensante attraverso l'ascolto. “Audio”, quindi, non solo inteso nel senso etimologico del termine ma anche nel più ampio concetto di "sentire" l'essenza stessa della vita, delle cose, dei moti dell'anima attraverso  la musica.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento