menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Palio a Terra del Sole: oltre alla sfida alla balestra, tante attrazioni

Domenica 1 settembre a partire dalle ore 16.00, si rinnova l'antica sfida di tiro alla balestra tra il Borgo Romano e quello Fiorentino con tanto di Esibizioni di giochi di bandiera, musiche rinascimentali, duelli di spade, ambientazioni storiche, gare di tiro alla fune

Domenica 1 settembre a partire dalle ore 16.00, si rinnova l'antica sfida di tiro alla balestra tra il Borgo Romano e quello Fiorentino con tanto di Esibizioni di giochi di bandiera, musiche rinascimentali, duelli di spade, ambientazioni storiche, gare di tiro alla fune che animeranno l’intera giornata e faranno da cornice alla 50° edizione del Palio di Santa Reparata.

Protagonisti diventeranno i balestrieri che si ritroveranno in Piazza d'Armi per disputarsi la 50° edizione della manifestazione.             La gara di tiro alla balestra sarà preceduta dalla maestose sfilate di oltre 300 figuranti che, partendo dai due borghi rivali (Romano e Fiorentino), confluiranno nella piazza centrale della cittadella rinascimentale voluta da Cosimo 1° De Medici. Tra squilli di chiarine e rulli di tamburi si potranno ammirare, tra l'altro, giochi di bandiere e duelli di spade, mentre per le vie del centro storico saranno ricostruite le botteghe delle arti e dei mestieri rinascimentali.

Nel corso della manifestazione verrà disputata, sempre tra i rappresentanti dei due borghi, una gara di tiro alla fune. La giornata prenderà l'avvio con l'apertura, in mattinata, del mercato rinascimentale e degli antichi mestieri. Alle 10.00 messa in latino nella chiesa di Santa Reparata con figuranti in costume.

In tarda mattinata, in piazza d'Armi, si disputeranno le selezioni dei balestrieri che nel pomeriggio difenderanno i colori dei due borghi. Si tratta di una sfida ad altissimo livello tra tiratori ai vertici italiani, più volte campioni nazionali, dall’esito incertissimo. Con 10 ori, 8 argenti e 3 bronzi i balestrieri terrasolani che solo in occasione del palio locale si dividono in rappresentanza dei loro borghi di appartenenza, sono la squadra più titolata d’Italia. Solo allo scoccare dell’ultima veretta si conoscerà il vincitore della 50° edizione e non è detto che la competizione non debba proseguire con tiri supplementari come già accaduto nelle ultime edizioni. Le migliori sette frecce di ogni borgo avranno l'onore di difendere i colori della contrada nel corso del Palio che avrà inizio alle ore 16.00. Il drappo dell'edizione 2013 è stato dipinto dal pittore Gianluca Senzani.

Ad indossare i fastosi costumi terrasolani ci sarà anche la modella Maria Josè Suarez, ex miss Spagna che ora ha un suo blog sul turismo e Liudmila Loglisci, la bimba prodigio che ha partecipato allo Zecchino D’Oro del 2006 e al Talent show “Io canto” e che proprio domenica 1° settembre compirà 12 anni. A rendere ancora più “internazionale” questa edizione del Palio una delegazione proveniente dalla città boema di Prachatice, gemellata con il comune di Catrocaro Terme e Terra del Sole e un folto gruppo di turisti tedeschi richiamati dal fascino delle balestre e delle bandiere.

Lo scorso anno si aggiudicò il drappo il Borgo Romano raggiungendo così quota 17 palii conquistati, mentre il Borgo Fiorentino è a quota 25. Tra le novità di quest’anno va segnalata anche che la Festa non terminerà con l’aggiudicazione dell’ambito palio, ma proseguirà ininterrottamente fino a tarda sera nella stessa Piazza con vincitori e vinti dove verranno allestite lunghe tavolate e per soli 5 euro si potrà mangiare salsiccia, patatine e degustare del buon vino circondati da spettacoli con esibizione di artisti nazionali, concerti e spettacolare chiusura con la compagnia internazionale “Eventi Verticali”.

Il Palio di Santa Reparata, secondo un antico cronista, si ricollega ad una gara svoltasi l'8 Ottobre 549, per l'inaugurazione della Pieve bizantina di S.Reparata (da cui ereditò il titolo la cinquecentesca chiesa di Terra del Sole: quattro giovani del contado cavalcarono dalla Pieve fino al castello di "Sassubio", dove i Magistrati consegnarono al vincitore in premio un gonfalone recante, ricamata, l'immagine della martire Reparata. Ingresso offerta libera

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento