rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Eventi Rocca San Casciano

"Ricordare per non dimenticare": a Rocca la mostra sulla Prima Guerra Mondiale

Dal 12 al 19 agosto sarà allestita nello stesso luogo anche la mostra “Ordinanze degli Alleati della Seconda Guerra Mondiale”, a cura di Antonio Rabiti, disponibile per informazioni (339-4286458), insieme a Stefano (331-1690910)

“Dalla mostra arriva un grande messaggio: ricordare per non dimenticare quei dieci milioni di morti”. Lo ha sostenuto il sindaco di Rocca San Casciano, Rosaria Tassinari  inaugurando sabato scorso la mostra storico-fotografica “A cent’anni dall’inizio della Prima Guerra Mondiale”, nella chiesa dei frati del paese. La rassegna di foto, curata da Foscolo Lombardi, presidente dell’Archeclub di Dovadola-Valle del Montone, e dall’Associazione Combattenti e Reduci di Dovadola e Forlì, in collaborazione col Comune di Rocca, resterà aperta tutti i martedì dalle 20.30 alle 23 (in occasione dei Mercatini delle Meraviglie, quando si potrà visitare anche la storica biblioteca dei frati), il sabato dalle 16.30 alle 19 e la domenica dalle 9.30 alle 12.

Dal 12 al 19 agosto sarà allestita nello stesso luogo anche la mostra “Ordinanze degli Alleati della Seconda Guerra Mondiale”, a cura di Antonio Rabiti, disponibile per informazioni (339-4286458), insieme a Stefano (331-1690910). La rassegna presenta centinaia di foto, documenti, oggetti dell’epoca, monete, carta moneta, bussole, macchine fotografiche, radio trasmittenti, carte topografiche e geografiche sui luoghi dove si svolsero i principali combattimenti. Fra le curiosità, sono esposte anche fotografie del medico di famiglia di Rocca San Casciano, Pio Bertini, che allora si trovava al fronte.

Fra i cimeli, c’è anche la bandiera dedicata ai romagnoli che nel 1860 “sostennero l’incorruttibile causa della democrazia”, eleggendo F.D. Guerrazzi a loro deputato, cui Rocca ha dedicato una via. Antonio Rabiti ha ritrovato anche carte e lettere di due soldati rocchigiani morti al fronte: Carlo e Luigi Dotti. Le foto originali in lastre di vetro si potranno ammirare anche alcuni visori in forma tridimensionale. “In queste fotografie –commenta Foscolo Lombardi c’è la storia dei nostri nonni”. Conclude il sindaco: “Devo ringraziare tutti gli organizzatori e in particolare Foscolo Lombardi, Stefano Calonici, Antonio Rabiti, Marina Biserni, Leandro Ulivi, Oriano Fabbri, Andrea e Michele Falcini”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ricordare per non dimenticare": a Rocca la mostra sulla Prima Guerra Mondiale

ForlìToday è in caricamento