Inedita esposizione su velocipedi, bicicli, tricicli tra Ottocento e prima guerra mondiale

  • Dove
    Oratorio San Sebastiano
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 03/05/2015 al 23/05/2015
    dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00 - Sabato e domenica orario, continuato 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì.
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni
    Sito web
    fc.it
Foto tratta dal web

All’Oratorio di San Sebastiano attiguo a Piazza Guido da Montefeltro dal 3 al 24 maggio  la mostra “La conquista del vento - Velocipedi, bicicli, tricicli, bicicletti e biciclette tra Ottocento e prima guerra mondiale” a cura di Flora Fiorini e Sergio Spada, nell’ambito delle iniziative collaterali al Giro d’Italia e del circuito di mostre e iniziative organizzate in occasione del Centenario della Grande Guerra.

L’inaugurazione di sabato sarà preceduta, alle 16, da una pedalata di bicicli d’epoca che partiranno da Piazza Saffi e raggiungeranno Piazza Guido da Montefeltro lungo via delle Torri, Piazza Ordelaffi, Piazza del Duomo, Corso Garibaldi e via Albicini.

Tra gli ultimi decenni dell’Ottocento e i primi del Novecento la bicicletta fu protagonista, specialmente in Romagna, di un radicale mutamento di funzione da divertissement nobiliare e alto-borghese a strumento di emancipazione popolare, fino ad essere impiegata come strumento di particolare utilità per le esigenze di spostamento rapido di reparti degli eserciti nel corso del primo conflitto mondiale.   La mostra presenta sedici tipologie diverse di biciclette, bicicli, velocipedi, alcuni dei quali superati dopo la fase sperimentale, risalenti a quell’arco temporale, provenienti in gran parte dalla prestigiosa collezione Andreoli di Bologna, nonché la bicicletta di Alfredo Oriani, concessa dalla Fondazione Casa Oriani di Ravenna e biciclette provenienti dal Museo Etnografico forlivese.  Il percorso illustrativo prende in esame in particolare l’impatto culturale di questo mezzo di locomozione, che potrebbe assurgere a simbolo di un’epoca segnata da uno slancio innovativo senza precedenti in termini tecnologici e scientifici, ed è per questo accompagnato dai brani che alcuni tra i più importanti letterati romagnoli di quel periodo (Oriani stesso, Olindo Guerrini, Alfredo Panzini, Luigi Graziani, Giovanni Pascoli, Renato Serra) dedicarono al “cavallo di ferro”.

La mostra, ad ingresso libero, resterà aperta con i seguenti orari: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00 - Sabato e domenica orario, continuato 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì. Informazioni: 0543712627 – 0543712602, musei@comune.forli.fc.it , www.cultura.comune.forli.fc.it .

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Ulisse. L'arte e il mito", un grande viaggio nella storia dell'umanità

    • dal 15 febbraio al 21 giugno 2020
    • Musei San Domenico
  • Le star del basket a Forlì: arriva l'incredibile show degli Harlem Globetrotters

    • 11 giugno 2020
    • PalaGalassi
  • “Arte in gioco”, una nuova mostra in pediatria

    • Gratis
    • dal 20 febbraio al 30 maggio 2020
    • Reparto di Pediatria - Ospedale Pierantoni - Morgagni
  • Piccolo a chi? Un webinar per conoscere e amare i cani di taglia piccola

    • 10 giugno 2020
    • online
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento