menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Partono i Piadina Days, tanti gli eventi sul territorio

Sabato e domenica weekend "a tutto piadina". Arrivano i PiadinaDays. Sono moltissimi gli appuntamenti grandi e piccoli in cartellone per l'edizione 2011

Sabato e domenica weekend “a tutto piadina”. Arrivano i PiadinaDays. Sono moltissimi gli appuntamenti grandi e piccoli in cartellone per l’edizione 2011, tutti uniti dal filo comune della riscoperta di un prodotto simbolo della gastronomia locale.  Quest’anno sono 317 le attività private aderenti, pronte ad inventarsi fantasiosi eventi e a proporre le ricette più originali. L’evento è diffuso su 23 Comuni: 21 nella provincia di Forlì-Cesena, con l’aggiunta di Bellaria Igea Marina (Rimini) e Cervia (Ravenna), ed è inserito nel circuito regionale del Wine Food Festival .

Oltre alle degustazioni di piadina romagnola, in tutte le sue varianti e con le più originali farciture, si terranno anche laboratori, scuola di cucina, gare di sfogline, abbinamenti ad altre manifestazioni locali e numerosi occasioni di intrattenimento.
 
Tre volti noti dello sport, romagnoli di nascita o di adozione, ma soprattutto grandi fan della piadina, fanno da testimonial dell’edizione 2011. Si tratta dei calciatori dell’A.C. Cesena Francesco Antonioli e Luca Ceccarelli e del ciclista Manuel Belletti.
 
GLI APPUNTAMENTI NEL FORLIVESE
 Bertinoro punta ad entrare nel Guiness dei primati scommettendo su Una piadina da Guinness – Bertinoro ci riprova. Il programma del Balcone della Romagna prevede una serie di appuntamenti serali per sabato: alle 19.30 al monumento al Vignaiolo La piadina si fa strada, il grande corteo per le vie del centro allietato dalla banda “Città di Bertinoro” e accompagnato da corteo di figuranti con costumi della tradizione. La manifestazione itinerante farà sosta presso i diversi chioschi e ristoranti aderenti all’iniziativa. Quindi alle 21.30 in Piazza della Libertà l’evento clou, con i bertinoresi che si cimentano nella realizzazione della piadina più grande, che quest’anno, in onore del 150° dell’Unità d’Italia, sarà tricolore. A seguire, degustazione della maxi-piadina offerta gratuitamente a tutti i presenti, accompagnata da musica dal vivo. Alle 18, nel castello di Polenta, all'interno del Raduno Carducciano, si tiene la merenda agreste con la piadina romagnola. A Bertinoro tutte le piadaiole e i ristoranti aderenti all’evento presenteranno menù a tema, piccole degustazioni e ricercate rivisitazioni della piadina romagnola. Nella giornata di domenica continuano le iniziative, con musica e spettacolo a Santa Maria Nuova. Nel paese spallicciano, il piazzale del monumento al Podista (ore 14) ospita la Finale della gara podistica del circuito La Scarpaza. Dalle 15.30 alle 19.30 segue il Piadina Party e il secondo trofeo Teglia Romagnola, sfida tra “sfogline” casalinghe con degustazione dei prodotti tipici del territorio accompagnati dalla piadina romagnola e dal Sangiovese delle cantine di Bertinoro. Esposizione di quadri e prodotti dell'artigianato. Musica dal vivo fino alle 19.30.
 
A Castrocaro Terme e Terra del Sole i PiadinaDays si festeggiano in tre diverse location. Nella Fortezza di Castrocaro, la Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Forlì e Cesena, con le proprie collaboratrici e diversi materiali promozionali, animerà l'iniziativa La Piada nei Castelli (sabato 16-20, domenica 10-13, 16-20). Nel salone dell’Enoteca della Strada dei Vini e dei Sapori, grazie alla partecipazione di autentiche “sfogline” romagnole avranno luogo dimostrazioni e laboratori per la preparazione e cottura della piadina romagnola; degustazioni di piadina romagnola con prodotti gastronomici locali e vini Sangiovese DOC;  presentazione del testo in terracotta refrattaria; visite guidate nel Museo della Fortezza. Nel cortile di Palazzo Pretorio di Terra del Sole (sabato 15-18, domenica 10-12 e 15-17) sono poi previste dimostrazioni della preparazione della piadina e laboratori per adulti e bambini, con possibilità di visita al Museo dell'Uomo e dell'Ambiente con particolare attenzione alla “Sala della cucina”. Infine, a Pieve Salutare, la cornice è quella della 55° sagra dell’Uva: sabato sera (ore 20-23) in piazzale della Chiesa, dimostrazione della preparazione e cottura della piadina romagnola da parte delle sfogline locali e laboratori. Presente anche la degustazione della “pié dla Piè ” con prodotti enogastronomici provenienti dalle aziende locali. Domenica (ore 9.30-11.30), si tiene il laboratorio per le “azdorine”, con possibilità di visita alla Pieve di San Pietro in Cerreto.
 
Dovadola partecipa con un laboratorio per bimbi di età compresa fra i 5 e i 12 anni, in piazza Berlinguer. Verrà insegnato il procedimento per fare l’impasto della piadina, la stesura con matterello, la decorazione finale con altri alimenti di natura biologica (verdure, frutta ecc..).

Le iniziative di Forlì partono venerdì: come anticipazione ai PiadinaDays, nell'area del mercato cittadino verrà allestito uno stand con le “mariette” che offriranno piccoli assaggi di piada. Sabato e domenica, in collaborazione con tutte le realtà economiche forlivesi, in tutti gli esercizi che aderiranno verranno proposti menù promozionali. Inoltre, tutto il centro storico cittadino sarà interessato dalla manifestazione, in sinergia con le iniziative de L'Arte di innovare. L'innovazione Responsabile che vedrà mostre, concerti ed altri eventi. Oltre al centro, è il parco urbano ad ospitare altri eventi, con la Piadina nel parco. Qui è prevista la distribuzione gratuita di piadina con affettati e formaggi locali, nella cornice della festa sociale di CNA che, dedicata quest’anno al tema dell’Unità d’Italia, prevede un ricco programma di attrazioni per ogni fascia di età. Nel corso della giornata, inoltre, si alterneranno sul palco spettacoli musicali e teatrali che culmineranno con il recital di Maurizio Maggiani dedicato al Risorgimento e alla “Trafila Romagnola”.
 
Ricco il programma di Forlimpopoli, con le iniziative inserite all’interno del programma della 23° edizione della Festa Rinascimentale "Un de int la Roca ad Frampul", la festa che rievoca le manifestazioni di giubilo organizzate nel 1567 dalla contessa Battistina Savelli e dalla nobiltà forlimpopolese per celebrare il ritorno vittorioso dalla Francia del Signore della città, Brunoro II Zampeschi, con oltre 200 figuranti in costumi rinascimentali che animano la festa con spettacoli di vario genere. In particolare, Casa Artusi ospita  La Piadina Romagnola, corso teorico e pratico con introduzione storica, illustrazione delle materie prime impiegate e laboratorio pratico in cui ogni partecipante preparerà 4/5 piadine; in collaborazione con l’Associazione delle Mariette. Al termine i partecipanti degusteranno le piadine preparate con squacquerone di Romagna e porteranno a casa le piadine preparate (sabato ore 9.30-12-30, su prenotazione – costo 50 euro). Lo stesso corso è previsto per i bambini tra i 5 e i 10 anni accompagnati da un adulto (domenica 15.30-17, su prenotazione - costo 30 euro). Sia sabato che domenica, ore 17 alla Rocca, parte la Festa rinascimentale con stand gastronomico in tema rinascimentale dove verrà servita piadina preparata al momento.
 
Portico e San Benedetto partecipa con un programma che si svolge nella giornata di domenica. Dalle 15 le Visite guidate per gruppi del centro storico del paese di Portico di Romagna, su prenotazione. Alle 16, in località San Rocco, si esibiscono i campioni forlivesi di frisbee freestyle Marco Prati e Claudio Cigna, vincitori dell’argento ai recenti campionati europei. Chissà che non si cimentino anche con un lancio di piadine, tonde come un frisbee? A seguire, alle 17, degustazioni del ristorante “Al Vecchio Convento”, in via Roma, con degustazioni sugli abbinamenti piadina-vino.
 
Predappio concentra i festeggiamenti dei PiadinaDays domenica dalle 15 alle 19 al Centro Sportivo di San Savino. L’evento è la Gara la “Pieda piò bona”. L’obiettivo è di sperimentare tutte le ricette che perverranno entro le 15.30 dell'11 settembre. I concorrenti impasteranno, stenderanno e cuoceranno personalmente la propria ricetta. Una commissione di attenti buongustai decreterà la piadina vincitrice. La sfida è aperta a tutti coloro che ritengono di conoscere la vera ed originale ricetta, quella più buona, la più friabile, la più appetitosa e chi più ne ha più ne metta. Per l’occasione le azdore del Gruppo Sportivo di San Savino cucineranno per tutti i turisti la piadina e le sue gustose varianti con le farciture tipiche del territorio: patate e zucca, patate e verza, ecc…il tutto accompagnato dal Sangiovese di Predappio. L’evento sarà allietato da musica dal vivo. Infine Rocca San Casciano, presenta al chiosco locale, Piadina e fajitas con degustazioni al chiosco, in collaborazione con il Comune.

 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento