Premio Letterario "Antica Pieve": in gara i poeti romagnoli

Al concorso si partecipa con poesie inedite in dialetto romagnolo. L'obiettivo del Premio è la valorizzazione della lingua e delle tradizioni locali

Parte la 24^ edizione del Concorso di poesia dialettale Romagnola Antica Pieve. 

Il Premio Letterario ha come obiettivo la valorizzazione di un aspetto importante della storia e della tradizione di un territorio: la Lingua che esprime, nella sua continua evoluzione, la trasformazione stessa degli usi e costumi di una società.

Il  Concorso si articola in due sezioni:
 
A) sezione riservata ai giovani dai 18 ai 36 anni  e dedicata al poeta Giovanni Nadiani
La giuria selezionerà ( nella sezione A ) 3 poesie stilando una graduatoria che prevede l’ assegnazione di una medaglia d’ oro e di un diploma a ciascuno dei primi tre poeti classificati.
 
B) sezione riservata a tutti coloro, purchè maggiorenni, che scrivono in dialetto romagnolo, senza limiti d’ età.
La giuria selezionerà ( nella sezione B )  10 poesie stilando una graduatoria che prevede l’ assegnazione di una medaglia d’ oro a ciascuno dei primi tre classificati e una medaglia d’ argento a ciascuno dei sette segnalati; un diploma per tutti i dieci poeti selezionati.

Ogni concorrente dovrà inviare entro il 31 luglio 2019 a: Comitato Culturale di Pieveacquedotto, Via Ravegnana n. 548  47122 Forlì  una sola poesia inedita, con relativa traduzione in lingua italiana, in tre copie  specificando sulla busta la sezione (sezione A o sezione B).

Il regolamento del Concorso, a cui si può partecipare entro il 31 luglio 2019, è disponibile al seguente indirizzo: www.comitatoculturalepieveacquedotto.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • "Volevamo avere qualcosa di nostro": tutta la famiglia si rimbocca le maniche ed apre un bar

Torna su
ForlìToday è in caricamento