Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Eventi

Prorogata la scadenza per il concorso dantesco “Io mi dilettava di guardare”

La scadenza è stata spostata in avanti per permettere a tutti gli autori di partecipare. Sono già oltre 150 le opere presentate

Il rilevante numero di adesioni e di consensi ricevuti dal primo concorso dantesco “Io mi dilettava di guardare”, lanciato dall'Associazione culturale Direzione21 e dal Comune di Forlì nell'ambito della settima edizione di “ForlìDante. Tòta la Cumégia”, dimostrano l'entusiasmo che questa iniziativa ha riscosso e sta riscuotendo. Ed è proprio per venire incontro alle tante richieste che la scadenza per l'invio delle opere è stata prorogata fino al 21 aprile 2021.

Foto, elaborati poetici e prosesono infatti pervenute e continuano ad arrivare da ogni parte della penisola e non solo: Trieste, Agrigento, Ancona, Cerignola di Bari, ma anche dalla Francia. Va inoltre sottolineato l'invio di progetti grafici e poetici da parte di scuole primarie di 1° e 2° grado di Ascoli Piceno, Olbia, Milano, Modena. Sommando queste adesioni alla partecipazione delle scuole forlivesi, sono al momento oltre 100 le proposte pervenute da giovanissimi allievi appassionati di Dante, guidati da insegnanti grati per questa occasione che, nonostante il periodo difficile, hanno voluto aderire all'iniziativa mostrando grande dedizione nei confronti dei versi della "Divina Commedia".

Tra foto, rime, prose, grafiche e altre realizzazioni inerenti alle voci previste dal regolamento del concorso, si contano a oggi ulteriori 70 lavori da aggiungere a quelli delle scuole, per un totale di oltre 150 opere presentate. "Sono numeri che evidenziano un riconoscimento sincero nei confronti della figura del Sommo Poeta, della nostra città di Forlì e il successo della scommessa lanciata dall'associazione Direzione21 che, con idee come questa, semina da anni stimoli danteschi ad ampio raggio e respiro - affermano gli organizzatori del concorso -. Sono infine stati definiti i premi per i vincitori, consistenti in buoni spendibili su siti didattici per le categorie scolastiche e prescolastiche, mentre per le rimanenti categorie sono previsti buoni libro o testi a soggetto dantesco".   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prorogata la scadenza per il concorso dantesco “Io mi dilettava di guardare”

ForlìToday è in caricamento