San Valentino, lo Ior celebra l'amore con "Lo Scatto del Cuore"

"Ringrazio di cuore i nostri amici di Eataly, che ci hanno concesso i loro prestigiosi spazi, e i fotografi di ArtImmagine, che si metteranno a disposizione gratuitamente per questa iniziativa", afferma il direttore generale Ior, Fabrizio Miserocchi

Venerdì, in occasione di San Valentino, l’Istituto Oncologico Romagnolo ha deciso di organizzare anche una simpatica iniziativa dal titolo “Lo Scatto del Cuore”, per rimarcare ancora una volta il concetto e per offrire a tutti la possibilità di fare la differenza tramite un gesto divertente. Nel pomeriggio della Festa degli Innamorati, esattamente dalle 15.30 alle 20, nei locali di Eataly in Piazza Saffi 45, i fotografi di ArtImmagine si metteranno a disposizione di tutti coloro che vorranno immortalare il loro amore non solo verso il proprio compagno o compagna, ma anche verso i figli, i nipoti, gli amici: insomma, verso chiunque abbia un posto speciale nel proprio cuore. Con un contributo minimo di 10 euro, dunque, chiunque potrà avere a disposizione la professionalità e l’occhio artistico di un esperto, per uno scatto da incorniciare e da tenere sempre con sé. Il ricavato andrà interamente a sostegno dei progetti di ricerca scientifica finanziati dall’Istituto Oncologico Romagnolo all'Irst di Meldola, affinché ogni fotografia si trasformi in qualcosa di concreto che contribuirà all’avanzamento delle terapie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ringrazio di cuore i nostri amici di Eataly, che ci hanno concesso i loro prestigiosi spazi, e i fotografi di ArtImmagine, che si metteranno a disposizione gratuitamente per questa iniziativa – afferma il direttore generale Ior, Fabrizio Miserocchi - penso si tratti di un bell’esempio di volontariato da parte di professionisti che, pur non potendo donare il proprio tempo in modo continuativo a causa degli impegni lavorativi, trovano comunque il modo di realizzare qualcosa di concreto per una causa a cui tengono particolarmente. Quest’anno dal 4 febbraio, Giornata Mondiale contro il Cancro, al 14 febbraio abbiamo deciso di accendere i riflettori sull’amore, un sentimento che accomuna pazienti, volontari, donatori, ricercatori e caregiver e che, come abbiamo visto nella storia di Giulia e Simone, a volte può fare davvero la differenza in quello che è l’esito del lungo e faticoso percorso di guarigione. Speriamo davvero che i forlivesi capiranno il senso di questa iniziativa e che vengano coi loro affetti il 14 febbraio da Eataly, per uno scatto da ricordare. D’altronde, come ogni cosa anche la ricerca ha bisogno di sostegno e d’amore, per crescere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

  • "Picchiato con calci e pugni": paura sotto la torre dell'orologio, 23enne ferito

  • Il prof Carlo Flamigni se ne è andato via con una sua poesia sulla morte

Torna su
ForlìToday è in caricamento