Sandra Cavallini porta in scena "La banalità del male" di Hannah Arendt

  • Dove
    Teatro Zampighi
    Indirizzo non disponibile
    Galeata
  • Quando
    Dal 26/01/2019 al 26/01/2019
    21.15
  • Prezzo
    12-14 euro
  • Altre Informazioni

Sabato 26 gennaio, ore 21.15, al Teatro Zampighi di Galeata va in scena Sandra Cavallini con "La banalità del male".

 Nel 1963 Hannah Arendt dà alle stampe Eichmann in Jerusalem, più noto in Italia con il suo sottotitolo, La banalità del male. Si tratta di un saggio in cui la filosofa raccoglie gli articoli scritti per il “The New Yorker” sul processo al tenente colonnello delle SS Adolf Eichmann, tenutosi a Gerusalemme nel 1961. Eichmann, con il suo grigiore, il suo linguaggio burocratico, le sue frasi fatte, incarna, nello sguardo acuto dell’autrice, l’uomo senza idee, più pericoloso dell’uomo malvagio. Il nuovo concetto di banalità del male rivoluziona le consuete categorie morali.

Sandra Cavallini porta in scena l’amara e lucida riflessione della Arendt a partire dalle vicende storico politiche e di cronaca processuale: rifacendosi al titolo originale dell'opera, evoca e privilegia una dimensione di condivisa prima stesura ad alta voce, di quel resoconto-reportage del processo ad Eichmann in Gerusalemme.

BIGLIETTI

Intero 14 euro, ridotto 12 euro

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Tornano i "Mercoledì del Cuore" con due anteprime per tornare a vivere la sera in piazza

    • solo oggi
    • Gratis
    • 22 maggio 2019
    • sedi varie - vedi programma
  • "Ottocento", un grande viaggio nell'arte italiana tra Hayez e Segantini

    • dal 9 febbraio al 16 giugno 2019
    • Musei di San Domenico
  • Distribuzione delle rose e benedizione delle auto nel nome di Santa Rita

    • solo oggi
    • Gratis
    • 22 maggio 2019
    • Sant’Antonio Abate in Ravaldino
  • Finger Food Festival: piatti regionali, birre artigianali e musica in piazza

    • Gratis
    • dal 31 maggio al 2 giugno 2019
    • piazza Cavour
Torna su
ForlìToday è in caricamento