menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tutto pronto per la 'Settimana del Buon Vivere": si parte a Forlì con il 'Ruggito del coniglio'

Sette i temi su cui si articola il programma, scelti tra quelli che definiscono il benessere equo e sostenibile: Economia Etica e Sociale, Bene Comune, Cultura, Alimentazione, Salute, Benessere e Coesione

Torna dal 2 al 5 ottobre la Settimana del Buon Vivere, manifestazione nazionale sul benessere equo e sostenibile che giunge alla quinta edizione allargando il proprio palcoscenico a tutta la Romagna. In totale più di 150 eventi con uno sguardo particolare al pubblico delle scuole e ospiti come Giuliano Poletti, Umberto Galimberti, Giobbe Covatta, Biagio Antonacci, il Ruggito del Coniglio, Ale&Franz, Enrico Ruggeri, Antonino Cannavacciuolo, Gianni Riotta, Lella Costa, Giuseppe Cederna, Serena Dandini, Mauro Lusetti, Monsignor Franco Perazzolo, Gaetano Pascale e l'Imam di Milano Yahya Pallavicini.

«Siamo partiti da Forlì-Cesena nel 2010, con la forza della coesione che è l'anima della nostra comunità. I», dice l'ideatrice, Monica Fantini. «Il fatto di presentare per la prima volta un'edizione che si apre a tutte le piazze della Romagna rappresenta per noi un risultato importantissimo. Significa che la Settimana del Buon Vivere è diventata davvero la Storia che racconta le storie di tutti noi, non solo durante il suo svolgimento, ma tutti i giorni dell'anno. È il collettore di quello spirito che ritroviamo identico a Forlì, come a Cesena, Rimini e Ravenna: lo spirito del Buon Vivere».

Sette i temi su cui si articola il programma, scelti tra quelli che definiscono il benessere equo e sostenibile: Economia Etica e Sociale, Bene Comune, Cultura, Alimentazione, Salute, Benessere e Coesione. In cartellone dibattiti tra le religioni, “lectio magistralis” con i grandi protagonisti della filosofia e della società civile, progetti contro la violenza di genere, ma anche spettacoli gratuiti rivolti al grande pubblico con protagonisti di richiamo.

Lo scorso anno sono stati 30mila i partecipanti a tutti gli eventi collegati, numeri che si pensa di raggiungere e superare anche quest'anno. Sedici i festival in rete, una trentina gli appuntamenti già calendarizzati a novembre e dicembre, in vista di Expo 2015. La manifestazione è promossa da Legacoop Romagna in collaborazione con quasi 200 partner e sponsor nazionali e internazionali.

Il calendario degli eventi principali, giorno per giorno
L’inaugurazione della quinta edizione si terrà giovedì 2 ottobre alle 17,30 al Teatro Fabbri di Forlì, alla presenza della ideatrice della manifestazione, il direttore di Legacoop Romagna Monica Fantini. Con lei sul palco Marco Presta e Antonello Dose, il duo del Ruggito del Coniglio, che trasmetterà live in diretta nazionale dalla Fiera di Forlì la mattina seguente. La sera al Teatro Verdi di Cesena lo chef Antonino Cannavacciuolo sarà il giudice e l'ospite d'onore di una cena che metterà a confronto i giovani chef delle scuole alberghiere di tutta la Romagna (Info e prenotazioni al  0547 613888 - 348 4717571).

Venerdì 3 alle 10 all’auditorium Carisp di Forlì Umberto Galimberti terrà una lectio magistralis di fronte ai ragazzi delle scuole superiori sul significato della filosofia, mentre la sera alle 21 al Teatro degli Atti di Rimini, in collaborazione con la cooperativa Ecoservizi L’Olmo, Giobbe Covatta si esibirà nello spettacolo “Sei Gradi”: uno show in cui comicità, ironia e satira si accompagnano all’informazione scientifica sull’aumento della temperatura del nostro Pianeta. In contemporanea al Fabbri di Forlì Biagio Antonacci interverrà in veste inedita nel corso della serata sulla ricerca organizzata dall’IRST-IRCCS di Meldola.

Sabato 4 ottobre alle 10 Lella Costa interverrà alla sala D’Attorre di Ravenna per un evento a cura di Linea Rosa in cui si parlerà di violenza sulle donne. Verrà presentato l'accordo quadro che coinvolge Legacoop Romagna, i Comuni e i Centri Anti Violenza delle province romagnole al fine di contrastare questa profonda piaga sociale.
In contemporanea, a Forlì, Gianni Riotta parlerà di comunicazione e web ai ragazzi delle scuole superiori. La sera sempre a Forlì al Teatro Fabbri Ale&Franz ed Enrico Ruggeri porteranno in scena “C’è un tedesco, un francese e un italiano...”, data evento in esclusiva per la Settimana del Buon Vivere per festeggiare i 40 anni di Idrotermica Coop. Al Foro Annonario di Cesena Duilio Pizzocchi e Andrea Vasumi rifletteranno scherzosamente sull’eterno dualismo “tortellino o cappelletto” con lo spettacolo “Emilia trattino Romagna Restaurant”, offerto da Cevico.

Domenica 5 ottobre un’intervista a tutto campo, sui temi del lavoro, dell’economia e dell’attualità politica: è quella che attende il ministro Giuliano Poletti, che sarà l’ospite d’onore dell’ultima giornata della Settimana del Buon Vivere. L’incontro si terrà il 5 ottobre alle 17,30 al Teatro Diego Fabbri di Forlì. Ad animare il dibattito sarà la scrittrice e conduttrice Serena Dandini, da poco tornata in Rai con la nuova trasmissione di Radio Due “#Staiserena”. Ancora al Fabbri la sera di domenica 5, dopo l’incontro pomeridiano con il ministro l’attore Giuseppe Cederna si esibirà nello spettacolo “Abbi cara ogni cosa” sul tema della coesione e della pace: cento buone ragioni per viaggiare in Palestina (e sentirsi fieri di essere italiani).

Anche i gadget sono sociali con il progetto “Il Tetto giallo”
Tutti i gadget della Settimana del Buon Vivere sono a marchio Tetto Giallo e non rappresentano soltanto manufatti, bensì sono il frutto di importanti processi sociali e lavorativi attivati dalla cooperazione sociale con l’obiettivo di potenziare e stimolare la creatività e la manualità di soggetti gravemente svantaggiati. Si tratta di prodotti di vario tipo: oggetti in legno, candele con cera di recupero, accessori in ceramica, ciondoli realizzato con materiale RAEE, o ancora oggetti su misura realizzati in pelle, cuoio e stracci. Particolarmente indicati per regali fuori dal comune e dall’alto contenuto sociale ed etico. Espressione concreta di etica, bene comune, coesione e responsabilità sociale. Così si può descrivere il Tetto Giallo, un progetto che è molto più di un marchio, simbolo di solidarietà, di inclusione, di sensibilizzazione e opportunità personale di realizzazione sul lavoro da parte delle persone con disabilità. Mette in rete varie esperienze di eccellenza legate al mondo della disabilità raccoglie prodotti artigianali dall’alto contenuto sociale ed etico, realizzati da soci, lavoratori e utenti svantaggiati di varie cooperative sociali. Aderiscono al Tetto Giallo con i propri prodotti le cooperative sociali Il Mandorlo, CILS, CCILS, Gulliver, CSIPM e San Vitale, protagoniste attive del welfare territoriale.  

La comunicazione: i 60 anni di Romagna Mia in chiave social e blog
Tutta la comunicazione della Settimana del Buon Vivere è basata su tre concetti chiave: creatività, coinvolgimento e passaparola. I partner sono coinvolti sin dall’inizio in un piano di comarketing che li mette in gioco in prima persona con i loro siti e pagine social su Facebook, Instagram, Twitter e Youtube. Quest’anno - grazie alla gentile concessione di Riccarda Casadei - la Settimana del Buon Vivere ha potuto utilizzare “Romagna Mia” come base per realizzare un video virale che nei primi dieci giorni dal lancio ha realizzato oltre 10.000 visualizzazioni in rete. Continua con profitto la collaborazione con Ravenna 2019, mentre altre iniziative riguardano il settore della stampa 3D e il “Blog tour” che per il secondo anno porta alla scoperta della Romagna alcuni dei più titolati autori di viaggio internazionali da USA, Brasile, Norvegia e Irlanda.

Il #socialhub e Agire di storia
L’associazione di promozione sociale BV OFF è nata su iniziativa dei giovani volontari che ogni anno contribuiscono in maniera determinante a realizzare la Settimana del Buon Vivere. Da questa esperienza ha preso vita Forlì #SocialHub, una realtà interassociativa che domenica 5 ottobre alle 18 si propone con un evento alla Fabbrica delle Candele di Forlì. “Progettazione Partecipata e #LaForlìCheVorrei”, questo il titolo, si propone come un dialogo virtuoso fra varie realtà italiane attive nell’innovazione sociale, nel co-working e nella progettazione partecipata.
Partecipato e condiviso è anche il percorso di Agire di Storia, a cura della cooperativa Casa del Cuculo. Si qualifica come azione di ri-educazione all’ascolto attivo, che è anche un concorso letterario rivolto agli studenti delle scuole medie, che hanno il compito di raccogliere e trascrivere le testimonianze delle generazioni precedenti. Quest’anno il tema è il Cibo. La cerimonia di premiazione si terrà sabato 4 ottobre alle 10 nella sala del consiglio provinciale di Forlì, alla presenza della giornalista del TG5 Simona Branchetti.

Tantissime iniziative per i bambini e le famiglie
Il programma della Settimana del Buon Vivere è ricchissimo di animazioni, spettacoli e iniziative dedicate ai più piccoli e alle loro famiglie. Il programma completo è disponibile sul sito www.settimanadelbuonvivere.it. Tra le decine di appuntamenti quella che arriverà in tutte le piazze del Buon Vivere è il Ludobus. È un servizio educativo itinerante che è in grado di trasformare facilmente piazze, cortili, giardini e strade in uno spazio di gioco e di divertimento per tutti. Si tratta di un furgone carico di giochi e attrezzature che permette ai bambini e ai loro genitori di praticare numerose attività divertenti. Dal 2 al 5 ottobre il servizio proposto dalla cooperativa Formula Servizi alle Persone farà tappa a Forlì, Ravenna e Rimini nella sua versione “scombussolo”. Lo spazio messo a disposizione sarà allestito con giochi ed attrezzature ludiche, in gran parte non esistenti in commercio. Per informazioni www.formulaservizi.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento