Eventi

Entra nel vivo la stagione del Contemporaneo del Teatro Diego Fabbri

La rassegna è curata dalla direzione artistica del Teatro Diego Fabbri, composta da Ruggero Sintoni, Claudio Casadio, Lorenzo Bazzocchi e Claudio Angelini

A sei anni dall’inizio, prosegue la programmazione che il Teatro Diego Fabbri dedica al contemporaneo. La rassegna è curata dalla direzione artistica del Teatro Diego Fabbri, composta da Ruggero Sintoni, Claudio Casadio, Lorenzo Bazzocchi e Claudio Angelini. "Confrontarsi con l’arte contemporanea è relazionarsi con “l’ignoto ignoto”, per citare Mark Forsyth, ovvero con la possibilità di incontrare ciò che non si cerca, riconoscendo, dentro alla casualità della scoperta, la bellezza dell’inatteso. In un’epoca in cui internet ci permette di trovare tutto ciò che desideriamo, la sfida risiede nel non accontentarsi di ottenere quello che già si sapeva di volere - viene evidenziato dalla direzione artistica -. Le cose migliori sono quelle di cui non si conosce l’esistenza fino al momento in cui non le si incontra e il teatro offre, oggi, questa possibilità: incontrare ciò che non si sa di desiderare".

IL PROGRAMMA: La stagione 2018 del Contemporaneo

La stagione ha visto il suo debutto nel corso del Festival Crisalide curato da "Masque Teatro" con "Teatro i" e "Fanny&Alexander" e "AtelierSi" .La programmazione prosegue con una sua propaggine primaverile: sabato 14 aprile (ore 21) il Teatro Diego Fabbri accoglierà la formazione romana "Habillé d’eau" con "Euforia", una riflessione “agita” sul corpoe sui meccanismi della danza da tre performer in scena. Dopo lo spettacolo, alle ore 22.30 al ridotto del Teatro Diego Fabbri, ci sarà un incontro con Silvia Rampelli (coreografa di Habillé d’eau) e Romeo Castellucci (regista della Socìetas Raffaello Sanzio) coordinato da Enrico Pitozzi, ricercatore dell’Università Iuav di Venezia.

Domenica 15 aprile, Silvia Rampelli condurrà un laboratorio alla Fabbrica delle Candele (dalle ore 14:30 alle ore 18:30). Il laboratorio è gratuito (per info e iscrizioni: Masque teatro - masque@masque.it - 393.9707741 oppure teatrodiegofabbri@comune.forli.fc.it - 0543.712170 – 712172). Mercoledì 2 maggio (ore 21) il milanese "Teatro delle Moire" presenterà all’Ex Deposito Atr "Vousêtespleine de désespoirche", a partire dal mito della sirena, figura ambigua e complessa, propone un’opera sul tema della seduzione, del sacrificio e della femminilità.

Sempre all’Ex Deposito Atr, venerdì 4 maggio (ore 21) "Città di Ebla" proporrà "La metamorfosi", creazione scenica liberamente ispirata al racconto di Franz Kafka. Il "Teatro Félix Guattari", casa di Masque teatro, ospiterà venerdì 18 e sabato 19 maggio (ore 21) il debutto assoluto di "Tesla Reloaded. Colorado Springs Notes". "Abbiamo visto una fine alla nostra ricerca - suggerisce Lorenzo Bazzocchi di Masque teatro -comprendere il disperato ardore che avvolgeva Tesla nella sua perpetua interrogazione a proposito della natura dell’uomo e del mondo che lo circonda".

Il gruppo Nanou, artisti affiliati del Festival Ipercorpo, presenterà, in collaborazione con il Festival ,Esposizione pubblica, progetto Alphabet venerdì 25 maggio (ore 21) all’Ex deposito Atr. Il progetto prevede l’incontro con danzatori professionisti con l’obiettivo di continuare a interrogarsi e a sperimentarsi nel campo del gesto, della danza e della coreutica. La stagione si chiuderà domenica 27 maggio (ore 21) al Teatro Diego Fabbri con il "Macbettu" di Sardegna Teatro – Teatro Persona. Uno spettacolo corale tratto da Macbeth di William Shakespeare, ma recitato in sardo e, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini. Sono previsti una serie di laboratori a cura di "Masque teatro" il prossimo 3 giugno, di gruppo nanou dal 21 al 24 maggio e, il 26 aprile, di Alessandro Bedosti per ragazzi di scuola media inferiore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entra nel vivo la stagione del Contemporaneo del Teatro Diego Fabbri
ForlìToday è in caricamento