menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

#Evoluzioni è il claim della nuova stagione del Teatro Testori

I principali filoni che compongono la programmazione 2016/2017 sono gli appuntamenti domenicali del teatro per le famiglie, la stagione serale, e il progetto La scuola del Teatro, rassegna di spettacoli per le scuole

#Evoluzioni è il claim della nuova Stagione del Teatro Testori di Forlì, improntata sulla qualità e pluralità dei codici espressivi, alternando classico e contemporaneo in una policromia che si estende dal teatro per i ragazzi, agli spettacoli di prosa serali, testimoniando una vitalità che vuole muoversi in direzione di nuovi linguaggi senza sacrificare i grandi classici. I principali filoni che compongono la programmazione 2016/2017 sono gli appuntamenti domenicali del teatro per le famiglie, la stagione serale, e il progetto La scuola del Teatro, rassegna di spettacoli per le scuole. Sul palco del teatro si alterneranno compagnia di casa, Elsinor, e compagnie di interesse nazionale e internazionale. 

La stagione serale prevede una selezione di titoli che abbracciano sia la drammaturgia contemporanea sia i grandi classici della letteratura teatrale.  Il primo appuntamento sarà l’8 novembre con “Now” di e con Michele Sinisi, una performance-spettacolo liberamente ispirata dal Riccardo III di William Shakespeare, in cui le parole del primo monologo dell’opera, in lingua originale, riecheggiano come partitura sonora durante tutta la performance. La stagione continuerà il 19 dicembre con “Il Misantropo” di Molière con la regia di Monica Conti, evoluzione di un progetto sulle grandi drammaturgie che ha visto la luce con L'Uomo, la bestia e la virtù di Pirandello nel 2014, a cui ha fatto seguito Le Intellettuali nel 2015. Un progetto che nasce dalla necessità di presentare sulla scena i classici “riscritti” soprattutto attraverso un lavoro attoriale che renda la parola “corpo”. Lo spettacolo è una nuova produzione Elsinor Centro di Produzione Teatrale. 

Il terzo appuntamento, il 1 febbraio, rivede Michele Sinisi in veste di regista e attore nel capolavoro di Eduardo Scarpetta “Miseria & Nobiltà”, spettacolo candidato al premio Hystrio twister 2016. Sulla scena, la storia di un povero squattrinato, Felice Sciosciammocca che, costretto a vivere di espedienti per rimediare a fatica un tozzo di pane, dà vita a una fitta tessitura di trovate dialogiche e di situazioni farsesche. Per il progetto artistico che comprende questo lavoro e il successivo “Miseria e nobiltà” (ancora produzione Elsinor) Sinisi riceverà l'8 ottobre il Premio Nazionale Critici di Teatro. Sarà poi la volta di due spettacoli internazionali e in lingua: il 21 febbraio, il visionario Teatro Obando di Palmela, Portogallo, presenterà “Ausencia”, mentre il 28 sarà la volta di  uno spettacolo in lingua inglese, “The machine stops”, dal testo sorprendentemente profetico di EM Foster, una produzione York Theatre Royal e Pilot Theatre con la regia di Juliet Forster che esplora il rapporto sempre più complesso con la tecnologia. 

La stagione proseguirà il 7 marzo con “Albania Casa Mia” uno spettacolo di Argot produzioni, che tratta la conseguenze del regime comunista in Albania; è la storia di un figlio che crescerà lontano dalla sua terra natia, in Veneto, luogo che non gli darà mai un pieno senso di appartenenza. È anche la storia di un padre, dei sacrifici fatti, dei pericoli corsi per evitare di crescere suo figlio nella miseria di uno Stato che non esiste più.  La stagione si concluderà il 25 marzo con “Opera Nazionale Combattenti presenta I giganti della montagna atto II” tratto da Luigi Pirandello. In questa versione della compagnia Principio Attivo Teatro, il finale dell’opera, originariamente incompiuto, viene liberamente riscritto con il risultato che riprende il concetto pirandelliano di Teatro nel Teatro. Lo spettacolo è finalista al premio Inbox 2016.

La rassegna “Le domeniche per le famiglie”, prevede 3 appuntamenti pomeridiani dedicati ai più piccoli, ma anche agli adulti che li accompagnano.  Il primo appuntamento sarà il 13 novembre con “Il soffio magico”, della compagnia Bubble On Circus; il 20 novembre la prestigiosa compagnia TPO porterà in scena “Kindur” e il 27 novembre sarà la volta di “Storie nel Baule”  produzione Elsinor per la fascia di età 3-7 anni. Il cartellone dedicato a “La scuola del teatro” vede quest’anno 14 titoli, proposti per le scuole, dalle materne alle superiori; titoli che spaziano da grandi classici a nuove creazioni, riconfermando l'attenzione all’utilizzo di differenti linguaggi, dalla danza per le giovani generazioni, al teatro d’attore e di figura, a proposte musicali. Anche per la stagione 2016/2017 si rinnova quindi la vocazione del Teatro Testori a offrire una vasta gamma di spettacoli pensati per un pubblico eterogeneo, con un’attenzione particolare al mondo di ragazzi e giovani. L’intento è di creare un luogo accogliente ma anche educativo e di avvicinare al teatro anche le nuove generazioni, che non sono il pubblico di domani ma già quello di oggi. 

Non a caso Elsinor è impegnato in diversi progetti internazionali pensati proprio per coinvolgere i più giovani: al momento sono in corso i lavori di Platform Shift+, di cui Elsinor è partner italiano. Iniziato a novembre del 2014, è un progetto di cooperazione su larga scala che comprende 10 teatri e un’università provenienti da 9 nazioni diverse. L’obiettivo è di creare 40 produzioni teatrali legate al mondo dell’era digitale. Protagonisti del progetto sono i giovani che hanno così la possibilità di entrare a far parte di un forum creativo internazionale e di interagire con diverse realtà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Fitness

Rassodare il seno: gli esercizi push up da fare a casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento