Residenze d'artista: a Forlì Daniele Albanese prepara lo spettacolo "Home"

Fino al 16 luglio la Compagnia Stalker di Daniele Albanese è ospite del Teatro Félix Guattari. Nella nuova coreografia vengono indagati modi, figure e immagini che riguardano un'idea di luogo sicuro

Proseguono le Residenze negli spazi del Teatro Félix Guattari di Forlì a cura di Masque Teatro a sostegno della ricerca e della sperimentazione attraverso la creazione di spazi di esperienza nei quali artisti, studiosi e tecnici possano mettere in campo le proprie competenze al fine di dar vita a un sapere condiviso.  Sito nel quartiere degli orti di Forlì il Teatro Félix Guattari si pone come avamposto di un progetto di auto-riqualificazione del territorio urbano teso alla congiunzione tra i centri e le periferie. Il progetto vive grazie al contributo di Regione Emilia-Romagna e MiBACT.

Fino al 16 luglio è la volta del nuovo progetto di Daniele Albanese e della Compagnia Stalker. La residenza vede il coreografo impegnato nella messa a punto di “Home”, nuovo spettacolo che segna il ritorno al processo di creazione in assolo, un vero e proprio tornare alle origini della propria storia artistica. Dopo gli ultimi lavori focalizzati sull'idea di altrove, di fuga, di migrazione, in Home vengono indagati quei modi, figure e immagini che riguardano un'idea di luogo sicuro, di casa, di ritorno, divagando dal giaciglio approssimativo di un senza tetto, a un testo che narra di giardini segreti, a una frase coreografica con un’idea di natura: quadri apparentemente separati ma legati da una 'familiarità' e da un approccio coreografico a una situazione teatrale.

L’idea di casa ci mette in contatto con scenari e immaginari che riguardano un’identità liquida, multiforme e trasformista; con immagini di guerra, di fuga dai propri territori di origine alla ricerca di un luogo sconosciuto, per necessità o per volontà. Con la ricerca di un luogo sicuro e accogliente, con il bisogno di appartenenza. Il lavoro si nutre di domande e intende creare un ambiente che rechi al suo interno le tracce di elementi contrastanti, al fine di generare domande anche nello spettatore. Cosa è casa?

Home è anche l'occasione per la codificazione di un linguaggio, un fare in scena al tempo stesso teatrale e coreografico. In Home, naturalmente, il corpo è la casa.

Accompagna il progetto di residenza in qualità di tutor Enrico Pitozzi docente di arti performative al DMS di Bologna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento