Un secolo di illustrazioni con le "Figurine Liebig"

  • Dove
    Galleria Luigi Michelacci
    Indirizzo non disponibile
    Meldola
  • Quando
    Dal 21/09/2019 al 13/10/2019
    vari orari - vedi programma
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Da sabato 21 settembre a domenica 13 ottobre la Galleria Luigi Michelacci di Meldola, in Via Cavour 60, ospita la 18^ mostra del Circolo filatelico-numismatico cittadino, patrocinata dal Comune e intitolata "Figurine Liebig: l'enciclopedia divenuta pubblicità". L'iniziativa, realizzata grazie alla collaborazione con il collezionista Oriano Mambelli, intende raccontare il percorso, lungo un secolo, delle celebri illustrazioni pubblicitarie che rappresentarono allo stesso tempo un esperimento pubblicitario di successo e un diffuso fenomeno culturale.

Così introduce all'affascinante esposizione il Presidente del Circolo meldolese, Stefano Paneggi: "Comparse per la prima volta in Francia nel 1867, le figurine illustrate non sono un banale oggetto da collezione poiché, a cavallo fra i secoli Ottocento e Novecento, segnarono il passaggio all'età contemporanea da almeno tre punti di vista: quello tecnologico, grazie all'impiego della cromolitografia, quello culturale, per l'intento enciclopedico di influenza illuminista, e, infine, quello della comunicazione di massa, per il precoce utilizzo nell'ambito della pubblicità di prodotti industriali. In questo contesto storico si imposero le figurine Liebig, espressione della brillante strategia pubblicitaria pensata per l'omonimo estratto concentrato di carne intitolato al suo celebre inventore: il chimico tedesco Justus von Liebig (1803-1873). Dal 1872 al 1975, i pubblicitari della ditta curarono 1871 serie di figurine, tradotte in oltre dieci lingue, italiano compreso, e durante il periodo d'oro, fra il 1890 e il 1910 circa, vennero pubblicati oltre 250 milioni di pezzi. La mostra presenta una selezione degli esemplari più suggestivi, più artistici e più rari, ispirati a temi popolari, come le maschere, le favole o le esotiche visioni del Giappone, anziché ad argomenti didattici, come personaggi celebri o scienze naturali." Le figurine Liebig, insomma, rappresentano ancora oggi un'affascinante testimonianza del potenziale dell'immagine illustrata e della sua capacità di interpretare il momento storico.

Conclude il Presidente Paneggi: "Ringrazio di cuore il Comune di Meldola, i soci del Circolo, tutti gli sponsor e i collaboratori che hanno reso possibile questo originale progetto. Un ringraziamento particolare voglio rivolgerlo al collezionista Oriano Mambelli per aver messo a disposizione del pubblico il suo prezioso materiale." La mostra rimane visitabile fino al 13 ottobre ai seguenti orari: 16:00 - 19:00 tutti i giorni feriali tranne lunedì e giovedì. Festivi 10:00 - 12:00 e 16:00 – 19.00.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • I mattoncini tornano protagonisti: un entusiasmante viaggio alla scoperta dell'universo Lego

    • Gratis
    • dal 30 novembre al 24 dicembre 2019
    • Villa Bertaccini
  • "Nigthscapes", la mostra fotografica di Luca Campigotto

    • Gratis
    • dal 26 settembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Musei San Domenico
  • "Siamo tutti figli di questo mondo, riflessi della stessa umanità": mostra fotografica alla Galleria del Canale

    • Gratis
    • dal 15 settembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Galleria del Canale

I più visti

  • I mattoncini tornano protagonisti: un entusiasmante viaggio alla scoperta dell'universo Lego

    • Gratis
    • dal 30 novembre al 24 dicembre 2019
    • Villa Bertaccini
  • "Nigthscapes", la mostra fotografica di Luca Campigotto

    • Gratis
    • dal 26 settembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Musei San Domenico
  • L'Immacolata inaugura la Fiera delle Domeniche di Natale

    • solo oggi
    • Gratis
    • 8 dicembre 2019
    • centro storico
  • "Merenda in inglese": un pomeriggio in osteria con insegnanti madrelingua

    • solo oggi
    • 8 dicembre 2019
    • Piazza Garibaldi 6/a
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento