menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il violoncellista jaffé sul palco di Sadurano Serenade

Una serata "Tra classico e flamenco" è quella proposta nel secondo appuntamento della rassegna

Una serata “Tra classico e flamenco” è quella proposta nel secondo appuntamento di Sadurano Serenade. Martedì 12 luglio il festival estivo torna sulle colline di Sadurano per uno spettacolo che vedrà sul palco un grande violoncellista di origine lettone, Ramon Jaffé, che accompagnerà il pubblico in un viaggio affascinante attraverso le più belle musiche di J. S. Bach , R. Huguet y Tagell, interpretate dal suono lieve e malinconico del violoncello.

Una serata che alterna il linguaggio forte, dinamico e vitale del flamenco ai toni intimisti e riflessivi della musica classica. Una passione, quella per il flamenco, che nasce in Jaffè grazie all’incontro con Pedro Bacan, uno dei più grandi chitarristi di questo genere che lo ha introdotto ai segreti dell’affascinante mondo del flamenco, la musica degli zingari dell’Andalusia. Nella sua lunga carriera, Ramon Jaffè ha collaborato con prestigiose orchestre come Deutsches Symphonie Orchester, Berliner Sinfonie Orchester, Rhineland-Palatinate State Philharmonic, Orchestra Filarmonica e Orchestra da Camera di Stoccarda, Filarmonica di San Pietroburgo, con famosi direttori come Andrey Boreyko, Leif Segerstam, Stefan Blunier, Ralf Weikert e il cantante jazz Bobbie McFerrin.

Numerose registrazioni televisive e radiofoniche testimoniano la brillante carriera artistica oltre a Cd fra cui “Meditation hébraique” con arrangiamenti di Brahms e la première del concerto per violoncello di Blacher. Da molti anni Jaffé si esibisce col famoso chitarrista Stephan Schmidt, collaborazione che li ha portati a partecipare ai maggior festival di Flamenco in Spagna e Francia.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento