WeekEnd

Tartufo e castagne profumano il weekend forlivese: ci sono le Giornate Fai, "Meet the docs", i Motus

Le sagre autunnali dominano i wekend di ottobre con i loro profumi, in quest'occasione si celebrano tartufo e castagne. Tornano, con la versione autunnale, le Giornate Fai, che svelano ai visistatori tesori nascosti sul territorio. E non è tutto

Tanta musica dal jazz, al blues, all'improvvisazione, ville, boschi e case che si svelano al pubblico, documentari che guidano gli spettatori nelle storie di un altro mondo, e poi premi tanto attesi, festival, sapori autunnali e borghi da ammirare, opere d'arte che si presentano ai cittadini, palchi dei teatri che raccontano storie, mostre dalla fotografia alle incisioni, alla ceramica. Ecco tutti gli eventi sul territorio forlivese da venerdì a domenica.

Giornate Fai d'autunno alla scoperta dei tesori nascosti

Torna la grande festa delle Giornate FAI, la più importante manifestazione di piazza dedicata al nostro patrimonio artistico e culturale. Otre 5.000 tra delegati e volontari FAI sono pronti a far innamorare tutti gli italiani dell’Italia. Sul notro territorio ci saranno tre visite guidate: a Casa Mazzoni-Magnani, già Baggioni a Forlì, sabato: la visita sarà di tipo storico-artistico e tenterà di ricostruire, oltre alla storia costruttiva dell'edificio, l'evoluzione del gusto nella decorazione degli interni nella città romagnola, durante il corso del XIX secolo. Poi, sempre a Forlì, apre le porte Villa Tesoro a Vecchiazzano venerdì, sabato e domenica: l'edificio, il cui nome farebbe riferimento a una leggenda che narra di un tesoro abbandonato e custodito ancora fra le mura di un'antica villa, è oggi di proprietà dei pronipoti di Leonida Bonavita. Ci si sposta poi a Meldola per la splendida Riserva naturale Bosco di Scardavilla, da scoperire sabato e domenica, in un percorso che comincerà dall'eremo di Scardavilla di sopra, per poi proseguire attraverso il bosco della Riserva Naturale fino a raggiungere Scardavilla di sotto.

"Meet the docs" conduce dentro le storie di un altro mondo

Proiezioni, confronti, workshop, masterclass, incontri speciali ma anche dj set, luoghi recuperati e buon vino. Fino a domenica  l'ExAtr di Forlì ospita  "Meet the Docs! Film Fest", il festival dedicato al cinema documentario. Giorni ricchi e vari, declinati su temi specifici ma uniti da un unico filo conduttore "le storie di un altro mondo". È questo, infatti, il titolo della quinta edizione della kermesse e sono queste le storie che popoleranno gli schermi, i dialoghi e le parole del festival. Storie che vengono da posti diversi, da un mondo in cui il Covid non c’era e da un mondo definitivamente cambiato dalla pandemia, in un viaggio che muove dal passato recente, attraversa la contemporaneità e interroga il futuro prossimo, chiedendosi come si narra qualcosa che non esiste più o che non esiste ancora o che si trasforma.

Crisalide, Festival dell'Incontro, con Tosca e Maurizio Lastrico, e  Premio Artusi

Si conclude domenica la 28^ edizione di Crisalide festival, organizzato da Lorenzo Bazzocchi ed Eleonora Sedioli di Masque Teatro. L’ultimo sipario è della compagnia teatrale riminese Motus che a Forlì debutta con la performance 'You were nothing but wind'. Dopo la lunga ricerca per la costruzione dello spettacolo “Tutto Brucia”, Motus sposta il fuoco sulla figura di Ecuba, con un gesto scenico performativo che si allontana dalla teatralità originaria del progetto. Silvia Calderoni incarna questa donna agguerrita, ne traduce la disperazione e la furia. Arriva a Forlì il 'Festival dell’Incontro 2021', promosso e organizzato dalla Cooperativa Sociale Paolo Babini. Giunta alla sua terza edizione, la manifestazione animerà l’auditorium San Giacomo e lo spazio della barcaccia antistante i Musei San Domenico. Gli eventi serali prevedono per venerdì il conversa-concerto di Tosca “Le parole della musica”, una chiacchierata fra l'artista e i ragazzi delle scuole di musica di Forlì alternata da interventi musicali, mentre sabato sarà la volta di Maurizio Lastrico nello spettacolo “Quello che parla strano”. Sabato la Chiesa dei Servi in Casa Artusi a Forlimpopoli ospiterà la consegna del Premio Artusi, istituito nel 1997 nell’ambito della Festa Artusiana, come riconoscimento a chi, a qualsiasi titolo, si sia distinto per l’originale contributo dato alla riflessione sui rapporti fra l’uomo e il cibo. Quest’anno il premio è stato assegnato alla Comunità di Sant’Egidio con la seguente motivazione: "Per lo straordinario e continuo impegno nella costruzione di ponti di pace e dialogo nel Mondo, e per aver posto in particolare il cibo al centro della dignità e dell’identità dei poveri e dei migranti promuovendo la distribuzione dei pasti in strada, le mense comunitarie, i centri di accoglienza, il pranzo di Natale come occasioni di cura, relazione, fratellanza".

Musica tra jazz, blues ed improvvisazione

Proseguono gli appuntamenti con il blues ed il jazz al Club Ottantadue di Forlì, venerdì con Sara Piolanti e Marco Vignazia, che presentano"Prisono songbbok", dedicato al blues nelle carceri Usa, mentre sabato, dedicato al blues, con "Indaco trio", ovvero Silvia Donati, Camilla Missio e Francesca Bertazzo. Due giorni a tutto jazz anche a Bertinoro: proseguno gli appuntamenti in calendario organizzati dall'associazione "Dai de jazz". Venerdì è la prima Giornata nazionale dei jazz club e torna il "Dai de jazz…Club Go on”,  all’Enoteca Bistrot Colonna di Bertinoro.  Gli appuntamenti si concludono sabato con il "Jazz & Wine Day", che ha come fine la valorizzazione della musica jazz e della produzione enologica italiana. Nata dalla collaborazione fra cantine ed aziende vitivinicole, l’iniziativa permetterà agli appassionati degustatori  di approcciarsi al jazz, in un fil rouge di qualità fra musica d’improvvisazione e turismo enogastronomico. La XXXII stagione di Area Sismica prosegue domenica, con il trio "3 Cards Trick", di provenienza newyorkese, chenasce dall’incontro di tre improvvisatori tra i più attivi sulla scena musicale di New York: Marco Cappelli, classical guitar, Brandon Seabrook, electric guitar, Stomu Takeishi, acoustic bass guitar. Si sono incontrati musicalmente a The Stone, lo spazio sperimentale gestito a New York da John Zorn.

Sagre, dal tartufo alle castagne a Dovadola e Premilcuore

Profumi e sapori del territorio tornano ad animare le strada di Dovadola, con al centro il re del sottobosco, il tartufo. Domenica torna, dopo un anno di stop causato dalla pandemia, la Sagra del tartufo che richiama avventori vicini e lontani pronti ad acquistare e degustare il tubero pregiatissimo. La manifestazione è infatti nata per promuovere la valorizzazione dei prodotti tipici del territorio, dal tartufo bianco, ai funghi, dal miele ai formaggi, dal vino ai salumi, nonché per far conoscere ai numerosi visitatori le bellezze del territorio di questo angolo di Romagna. Un'altra delle sagre di punta dei sapori autunnali è quella dedicata alla castagna: domenica secondo appuntamento a Premilcuore, con la 57esima edizione della tradizionale "Sagra della Castagna" che celebra anche il maiale. Bancarelle con prodotti del sottobosco ed artigianato per le vie del paese, in occasione della fiera, e nell'Area feste stand gastronomico con specialità del posto.

Cosa fare nel weekend a Cesena

Cosa fare nel weekend a Ravenna

Cosa fare nel weekend a Rimini

"Oh che bel castello",  "Un'opera la mese" e Fiat 500

E' ricca di curiosità, affascinante ed immaginaria l'edizione 2021 di "Oh che bel castello", la grande kermesse dedicata a castelli, rocche, fortezze dell'Emilia Romagna: sabato  e domenica  nel borgo di Cusercoli a Civitella di Romagna torna “Borgo in Arte 2021”, concorso di pittura con due sezioni, è' in programma la mostra allestita nei locali della “Sala della Botte” del Castello di Cusercoli. Saranno esposti materiale fotografico, documentazione e progetti di alcuni dei lavori più significativi dell’architetto Roberto Pistolesi, fautore dei più importanti progetti di recupero e valorizzazione di edifici storici e religiosi del Forlivese, fra cui il Castello di Cusercoli. Sempre alla scoperta del perle del territorio, con lo splendido dipinto “Dama dei Gelsomini” del Museo Civico di San Domenico di Forlì, domenica, nella attigua Chiesa di San Giacomo, ritorna la Rassegna “Un’opera al Mese”. Dopo il successo del primo appuntamento dedicato alla Ebe del Canova del gennaio 2020, il neonato ciclo di incontri mensile dedicato a raccontare il patrimonio storico-artistico forlivese riprende, ripartendo dal racconto di una delle opere indubbiamente più belle ed accattivanti delle raccolte civiche forlivesi. Domenica si svolgerà il 19° Raduno Fiat 500 "Città di Meldola"  e auto storiche di ogni tempo, le auto attraverseranno il centro storico di Meldola, e le zone collinari, passando per Teodorano con una sosta al Circolo Arci, Montecavallo e Valdinoce.

Teatro e dintorni

La Compagnia Ogm presenta "Disturbi incrociati" al Teatro Comunale di Predappio, sabato e domenica. Nello studio di un affermato psichiatra si susseguono una serie di pazienti che mettono in scena casi emblematici dei più comuni disturbi della mente umana, questa la trama dello spettacolo per la regia di Romina Zoli. Venerdì a Forlì, si terrà il primo degli eventi autunnali dell'Associazione MagicaMenteMozart. Protagonista sarà Roberto Balzani, professore universitario, storico, con una conferenza sulla figura di Piero Maroncelli, musicista e patriota forlivese. Durante la serata ci saranno alcuni interventi musicali di Yuri Ciccarese, flautista e Presidente dell'Associazione, e del pianista Pierluigi Di Tella.

In mostra

Ai Musei San Domenico di Forlì la grande mostra fotografica "Essere Umane. Le grandi fotografe raccontano il mondo". Tra le 314 fotografie in mostra, si possono segnalare le leggendarie immagini di Lee Miller nella vasca da bagno di Hitler, la strepitosa serie delle maschere di Inge Morath, realizzata con Saul Steinberg, gli iconici volti dei contadini durante la Grande Depressione di Dorothea Lange, il sorprendente servizio di Eve Arnold su una sfilata di moda ad Harlem negli anni Cinquanta e i rivoluzionari scatti di Annie Leibovitz per una epocale edizione del Calendario Pirelli. Domenica si tengono  le visite guidate a libera aggregazione. Parte ancora da Forlimpopoli il progetto pluriennale 'Lingua e Cucina italiane' incentrato su cibo e cultura e in particolare sull’immagine del cibo italiano. La mostra di quest’anno, ideata e curata sempre dal libraio antiquario milanese Andrea Tomasetig in collaborazione con Casa Artusi, è dedicata alla “Storia illustrata degli spaghetti al pomodoro” ed è allestita negli spazi di Casa Artusi, Chiesa dei Servi, da sabato. L’insolita mostra nasce da un libro, 'Il mito delle origini. Breve storia degli spaghetti al pomodoro', un brillante saggio di Massimo Montanari, autorevole docente e storico dell’alimentazione.  Una nuova mostra del'artista forlivese  Silvia Camporesi, curata da Cesare Pomarici per i progetti site-specific di Olvidados, poppola invece l'inedita location dell’ex cinema Odeon a Forlì: "Semisimmersi. Dove finisce l'acqua" è un grande itinerario fotografico, un percorso di immagini a grandezza d’uomo che condurrà gli spettatori alla scoperta di alcuni dei più stravaganti e insoliti luoghi d’Italia.

La nuova stagione espositiva di Arte al Monte presso il palazzo di residenza della Fondazione cassa dei Risparmi di Forlì, presenta l’ultimo progetto artistico della ceramista Marina Fabbri fatto di ricerca ed evoluzione che porta a contemplazioni inattese e a nuove meditazioni. Allieva del Premio Faenza Ana Cecilia Hilar, nonché di ceramisti faentini di respiro internazionale, Marina Fabbri ha saputo nel tempo aprirsi alle diverse discipline trovando nella scultura ceramica la propria dimensione espressiva. Espone teste di donne plasmate con la terracotta, modellate con tocco sfuggente enfatizzandone i colori terrosi, e sinuosi busti  di donna appesi, sostenuti da reti metalliche attorcigliate, che fanno loro, al contempo, da gabbia e da sostegno.   In occasione del VII centenario della morte di Dante, la Biblioteca Aurelio Saffi, in collaborazione con i Musei Civici di Forlì, intende valorizzare e far conoscere il proprio patrimonio dantesco tramite la mostra "Alla scoperta di Dante. Il patrimonio dantesco alla Biblioteca Aurelio Saffi di Forlì", nella sede di Palazzo Romagnoli. Alla Biblioteca comunale di Forlì esiste una vera e propria sezione dedicata al sommo poeta, costituita da oltre 1600 volumi. Il percorso espositivo allestito a Palazzo Romagnoli rappresenta una piccola parte di questo ingente patrimonio, ma i documenti scelti sono tra i più antichi e rari conservati nella Biblioteca forlivese.  Al Palazzo del Mutilato a Forlì, storica sede forlivese, si può visitare invece la mostra "Io, Dante e il Cittadone". Ugo Berti, con l'aiuto di alcuni collaboratori fidati, si è impegnato per offrire ai cittadini forlivesi e non, una nuova visione su Dant con l'esposizione di collezioni uniche di privati: cartoline, monete, medaglie, libri, foto si propongono come filo conduttore per rivivere la vita del Poeta, dall'incontro con Beatrice, alla scoperta del Paradiso, regalando ai partecipanti un Dante pienamente inserito nella nostra Forlì, anche nei luoghi più nascosti e sconosciuti. Alla Galleria Wundergrafik di Forlì, è visistabile la mostra personale "Il Disegno Inciso" di Filippo Mattarozzi, artista forlivese, autodidatta, vincitore di diversi premi e importanti riconoscimenti, a cura di Marco Vallicelli che spiega "Il disegno, fin dalle origini dell’uomo, è servito come strumento di conoscenza, dell’uomo stesso e della realtà circostante; un mezzo di indagine dai contorni non sempre e non forzatamente regolari, con una storia a venire millenaria e leggendaria".

"La Rivoluzione Gentile" di Loredana Galante è allestita negli spazi della Fondazione Dino Zoli di Forlì. L'esposizione, visitabile fino al 15 gennaio 2022, nasce dalla residenza d'artista ("Premio Speciale Dino Zoli Textile" ad Arteam Cup 2019) tenutasi nel settembre 2020 presso l'azienda tessile Dino Zoli Textile, da sempre attenta all'ambiente, alla cultura e al sociale, in linea con la filosofia di Dino Zoli Group. Parole chiave: cura, condivisione, allenamento alla gentilezza, responsabilità. Loredana Galante, genovese per nascita ma residente a Milano, ha fatto del proprio cognome un manifesto programmatico, invitando le persone a rivoluzionare la propria quotidianità a partire da piccoli gesti di gentilezza . Alla Galleria d’Arte Farneti di Forlì, si può ammirare la mostra “Io, Roberto Casadio” , a cura dello storico dell’arte Marco Vallicelli.  In Casadio è innegabile una certa forza, il suo pennello ha una potenza reale: è un artista difficile, un pittore esigente, che studia ed elabora la forma corrispondente alla sua idea e la porta alla massima  perfezione. In questo lavoro sulla forma egli mostra la sua fermezza di grande maestro.  La mostra "Vivere" del fumettista Ugo Bertotti, tratta dall’omonimo graphic novel, vede esposte 45 tavole dell’artista in un percorso che si sviluppa all’interno del MAF, Museo Archeologico di Forlimpopoli.  Ancora Dante, nella mostra “Animalia Dantis – Gli animali della Divina Commedia nelle maioliche arcaiche di Romagna, Umbria e Toscana", visitabile alla Fortezza di Castrocaro Terme: una folla di animali reali e animali fantastici anima la Divina Commedia, da qui l’idea di commemorare il 700° anniversario della morte del Poeta con una mostra di maioliche di quei secoli lontani sulle quali i maestri ceramisti, immersi nella stessa cultura simbolica e figurativa di Dante, vollero rappresentare a loro modo il mondo animale, sia reale che immaginario. Maioliche che andarono poi ad ornare e servire osterie, mense popolari e signorili di gran parte d’Italia.



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tartufo e castagne profumano il weekend forlivese: ci sono le Giornate Fai, "Meet the docs", i Motus

ForlìToday è in caricamento