Sabato, 18 Settembre 2021
WeekEnd

Weekend di musica e teatro: il grande violinista Uto Ughi, concerto all'alba a Bertinoro e risate con Massimiliano Loizzi

Musica e teatro protagoniste del weekend, con il violino di Uto Ughi, sul palco insieme ad Elena Matteucci, la comicità di Massimiliano Loizzi con il suo nuovo monologo "Il Re nudo", musica all'aba nella meravogliosa conrnice della Rocca di Bertinoro e tanto altro

Pronti ad ascoltare musica per tutti gusti, dalla classica al jazz, e poi a teatro con due appuntamenti da non perdere, sul territorio alla scoperta degli angoli più nascosti e dei progetti di valorizzazione. Non mancano una serie di mostre da visistare. Ecco tutti gli eventi a Forlì e dintorni da venerdì a domenica.

Musica: dal ritorno del grande Uto Ughi a "Bertinjazz"

L’Arena San Domenico di Forlì ospita, sabato, il gradito ritorno all’Emilia Romagna Festival di Uto Ughi, tra i massimi esponenti della scuola violinistica italiana, accompagnato sul palco dal pianoforte di Elena Matteucci. Ad aprire il concerto di Forlì un classico dal grande impatto emotivo e dalle tonalità inusuali per il barocco, la 'Ciaccona in Sol minore' per violino e basso continuo, in questo caso eseguito dal pianoforte di Elena Matteucci. Una composizione generalmente attribuita a Tomaso Antonio Vitali, tra i fondatori dell'Accademia Filarmonica di Bologna, che conosce una popolarità quasi immortale, colmo di melodie trascinanti e dai grandi struggimenti.

Venerdì  torna "Bertinjazz": il colle si colora di jazz di altissima qualità. Tra un calice di vino e un morso di piadina si potrà assistere a jam session itineranti per le vie e le piazze del centro storico  di Bertinoro, ad ingresso libero. A questo appuntamento partecipano "Blues Ghetto", "Cocomanhattan", "Giancarlo Giannini new jazz qaurtet".  Sabato, all'Arena Verdi, Forlimpopoli, concerto dell'Orchestrona della Scuola di Musica Popolare, che per l'occasione verrà affiancata dalla partecipazione di alcuni dei docenti della scuola stessa. Altri docenti, invece, integreranno il programma del concerto con alcuni degli strumenti e dei brani più originali ed insoliti che, a Forlimpopoli, sono di casa ormai da tantissimi anni.

Il ciclo "Ci vediamo all’Alba", invece,  è una vera e propria colazione musicale che permette di assistere a splendidi concerti da una posizione privilegiata al sorgere del sole che sale dal mare, ascoltando musica in un silenzio quasi assoluto.  Domenica,  a Bertinoro, nella location del Cortile della Rocca, appuntamento alle ore 06:21 con "Invenzioni a due voci" con Arturo Stàlteri e Tiziano Bianchi. Il format originale ‘invenzione a due voci’ (ispirato da delle composizioni omonime di J. S. Bach) è molto semplice e tende, come per Bach, a costruire un dialogo ragionato tra le diverse voci in campo: il conduttore farà ascoltare al pubblico e ai musicisti coinvolti una serie di brani di vari autori e di vari generi. Al termine di ogni brano, il musicista improvviserà sul tema appena ascoltato assecondando la propria cultura e la propria sensibilità musicale. Ultimo appuntamento con il festival “Rumors”, con il concerto del  trombettista Guido Pistocchi, a Corniolo, sabato Grande jazzista della dolce vita roman,a ha suonato per Grace Kelly, collaborato con Renzo Arbore e Lucio Battisti, tra gli altri e dialogherà per raccontare alcuni aneddoti con Mario Russomanno.

Teatro tra pensiero e risate

Il forlivese Francesco Tesei, il più bravo mentalista italiano, torna a esibirsi nella sua città, sul palcoscenico dell’Arena San Domenico, venerdì, con il suo nuovo spettacolo "Telepathy". In quanto mentalista, Francesco Tesei ha sempre provato a “leggere il pensiero” delle persone, una capacità spesso descritta con la parola “telepatia”. Il periodo che stiamo vivendo, però, ha imposto il concetto di distanziamento sociale come assoluta priorità.  Con questo nuovo spettacolo, figlio del momento che stiamo vivendo, il mentalista spera di accorciare le distanze tra le persone, tornando a giocare con interazioni fondate sulle parole ma anche sui gesti, azioni, respiri e sorrisi.

Dopo il grande successo di pubblico e critica di "Quando diventi piccolo", tratto dall’omonimo romanzo edito da Rizzoli/Fabbri, con più di 60 repliche in meno di un anno e oltre 12.000 spettatori, Massimiliano Loizzi presenta, alla Fabbrica delle Candele di Forlì, domenica, il suo nuovo monologo di Stand-Up comedy: "Il Re nudo". In poco più di un’ora, Massimiliano Loizzi si racconterà e ci racconterà la sua vita e quella del suo paese in una comica, ironica riflessione sulla verità, sulle fake news e sull’uso deviato dei mezzi di comunicazione di massa. Ma è anche la storia di un uomo di sinistra in Italia, e quindi è una tragedia, che suo malgrado fa molto ridere.

Scoprire il territorio

Venerdì all'Abbazia di San Donnino in Soglio  di Rocca San Casciano, l'evento "Contatto #4"  permetterà di conoscere da vicino il progetto di residenza e laboratori collettivi "Habitat", ideato e curato da Jacopo Lega e dall'Associazione Culturale Distretto A di Faenza, nato per rispondere al tema della rivitalizzazione dei borghi italiani, del loro territorio e del loro patrimonio culturale. Gli artisti  nazionali e internazionali presenti (designer, musicisti, pittori, architetti )  illustrennano le opere e i progetti creati, nelle scorse settimane, rielaborando la preziosa eredità micro-territoriale dei borghi dell'alto appennino Tosco-Romagnolo. A Castelnuovo, sulle colline meldolesi, nelle serate di venerdì, sabato e domenica, al tramonto si potrà conoscere la vera storia di Paolo e Francesca, ambientata nelle rocche che sorvegliano la Valle del Bidente. Tanti sono i personaggi di questa storia e di questo territorio, di cui Dante ha copiosamente raccontato nella Commmedia. Non solo, ma a Castelnuovo vi è anche la leggenda di Clarì. Comodamente seduti intorno alla medievale Torre di Castelnuovo, si potrà ascoltare il racconto dell’avvincente storia di questo territorio e delle sue leggende, a cura di Chiara Macherozzi, Guida Turistica della Regione E-R .

Cosa fare nel weekend a Cesena

Cosa fare nel weekend a Ravenna

Cosa fare nel weekend a Rimini

Mostre

Un illustratore che è anche uno sfoglino, una passione per la pasta fresca tirata al mattarello, immagini dallo stile minimale. Questi gli ingredienti della mostra “Di terra, di forme - Storia illustrata della sfoglia", allestita a Casa Artusi fino al 12 settembre. In esposizione una quindicina di pannelli che raccontano con linee semplici e pulite e forme quasi astratte il ‘miracolo’ del tagliere e del mattarello, la trasformazione di uova e farina da informe impasto a gialla circonferenza, liscia e compatta. A firmare le opere Emanuele Montanari, in arte mastrosfoglino, giovane illustratore di Lugo che all’amore per le immagini unisce quello per la gastronomia e in particolare proprio per la sfoglia.

Alla sede della Fondazione Dino Zoli a Forlì, è  aperta al pubblico la mostra personale di Massimo Sansavini, “Prima-Vera. La natura fuori”. Il percorso espositivo comprende dieci opere a parete in lamina di metallo e pittura digitale appartenenti all’ultima produzione dell’artista. Esposizione dedicata a Dante Alighieri, nel centro di Forlì,  “Ahi serva Italia, di dolore ostello. La fortuna di Dante nel ventennio”, che espone pezzi di collezioni private, fino a domenica. Allo spazio "Candischi" di Forlì è visitabile a mostra' Galbuli', che raccoglie opere di sei artisti: Andrea Bozzi, Sergio Gutiérrez, Cristiano Pinna, Iacopo Raggi, Francesco Selvi e Alberto Stambazzi. È una mostra musicata, un’installazione che comprende opere di pittura, disegno, illustrazione e scultura. Predappio rende omaggio al Sommo Poeta con la mostra storica documentale dal titolo “Dante. Il più italiano dei poeti, il più poeta degli italiani”, allestita presso la Casa Natale Mussolini, grazie al contributo di numerose istituzioni storiche e culturali che hanno dato in prestito alcune opere e documenti, come il Vittoriale degli Italiani, l’archivio Mart di Rovereto e l’Archivio storico Istituto Luce di Roma. 

A Santa Sofia c'è la mostra “Grafiche” di Arnaldo Pomodoro. La mostra celebra la riapertura della Galleria “Vero Stoppioni”, dopo la pausa dovuta all’emergenza sanitaria e rappresenta la straordinaria occasione di ammirare opere in cui si ricapitolano le tappe principali del percorso artistico del maestro che si annovera tra i più grandi nella scena nazionale come in quella internazionale.I suggestivi spazi della Galleria dialogheranno con una quarantina di opere, in prevalenza calcografie in rilievo, nelle quali si coglie la fitta trama di rimandi, analogie, citazioni che intercorrono con le opere scultoree di Pomodoro

L’Accademia degli Incamminati presenta la mostra 'Selva molle' di Chiara Lecca e Nicola Samorì a cura di Sabrina Samorì, negli spazi dell’ex chiesa di San Rocco a Modigliana. La mostra è stata realizzata nell’ambito del Festival dei Sentieri Agrourbani di Modigliana: si sviluppa come un dialogo a due voci tra Chiara Lecca e Nicola Samorì all’interno della seicentesca Chiesa, ora sconsacrata, dedicata a San Rocco e situata nel centro storico del piccolo borgo romagnolo.

A Portico di Romagna è visitabile la mostra “Dante in Armi” evento collegato alla mostra “Dante. La visione dell’arte”, presso il teatro comunale di Portico sarà possibile vedere una collezione di armi originali del XIII e XIV secolo, corredata da pannelli esplicativi e riproduzioni ad uso didattico.Una mostra unica nel suo genere poiché le armi del tempo di Dante sono una rarità assoluta. E' aperta al pubblico su appuntamento, ma solo per un gruppo sopra le 20 unità, la mostra "Il paese dei Mussolini. Luigi, Alessandro e Benito" allestita alla Casa natale Benito Mussolini di Predappio, dove si potranno ammirare documenti inediti, lettere e fotografie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Weekend di musica e teatro: il grande violinista Uto Ughi, concerto all'alba a Bertinoro e risate con Massimiliano Loizzi

ForlìToday è in caricamento