Scuola

Diventare insegnante: percorso di studi e abilitazione, tutto quello che c'è da sapere

Tutti noi ricorderemo sicuramente con grande piacere gli insegnanti, dalle elementari alle superiori, che hanno saputo trasmettere concetti ed informazioni con grande passione

Il mestiere  dell'insegnante, in questo periodo di pandemia, ha dovuto fare i conti con un nuovo metodo di insegnamento, un diverso rapporto con i propri alunni, spesso attraverso uno schermo, ma comunque, anche se in presenza, senza contatti fisici. Nonostante le difficoltà di questo ultimo periodo, resta un mestiere per il quale serve una vera e propria vocazione. 

Tutti noi ricorderemo sicuramente con grande piacere gli insegnanti, dalle elementari alle superiori, che hanno saputo trasmettere concetti ed informazioni con grande passione, che hanno saputo rendere partecipi i propri studenti e che non hanno ridotto l'insegnamento al mero imparare a memoria.

Vediamo qual è il percorso per diventare docenti, che comprende  un titolo di studio di accesso all’insegnamento e l'abilitazione all’insegnamento, per potere poi accedere al concorso per entrare di ruolo, anche per coloro che vogliono diventare insegnanti di sostegno. 


TITOLO DI STUDIO DI ACCESSO ALL’INSEGNAMENTO
 
PER INSEGNARE NELLA SCUOLA DELL'INFANZIA E PRIMARIA

  • Laurea in Scienze della formazione primaria (titolo abilitante all'insegnamento); 
  • Diploma magistrale o diploma di Liceo Socio-psico-pedagogico o diploma sperimentale a indirizzo linguistico conseguito entro l'anno scolastico 2001-2002 (titolo abilitante all'insegnamento). 

PER INSEGNARE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI I E II GRADO

  • Laurea di vecchio ordinamento, Laurea specialistica o magistrale di nuovo ordinamento, diploma accademico di II livello, diploma di Conservatorio o di Accademia di belle arti vecchio ordinamento  
  • Diploma di scuola superiore (per gli insegnamenti tecnico-pratici) 

Con i soli titoli di accesso all'insegnamento l'unica possibilità è l'inserimento  nelle graduatorie di istituto di III fascia, relative agli incarichi di supplenza a tempo determinato. Le graduatorie hanno durata triennale.

ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO
L'abilitazione all'insegnamento consente l'inserimento nella II fascia delle graduatorie di Istituto, per incarichi di supplenza a tempo determinato. L'abilitazione inoltre è necessaria per  la partecipazione ai concorsi per titoli ed esami, dalle cui graduatorie si attinge annualmente per l’immissione in ruolo a tempo indeterminato. 

Abilitazione all’insegnamento per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria
Per la scuola primaria e dell’infanzia, l’abilitazione si consegue al termine di un corso di laurea magistrale quinquennale (Scienze della Formazione primaria), comprensivo di tirocinio. 

Abilitazione all’insegnamento per la scuola secondaria di I e II grado
E' fondamentale sapere  a quali classi di concorso  di insegnamento  ci si può iscrivere con la propria laurea, ovvero quali materia si potranno insegnare.  Ad ogni titolo di studio corrispondono quindi delle Classi di concorso specifiche. Qui tutto quello che c'è da sapere, le Classi di Concorso e i Crediti formativi
In aggiunta alla laurea, per insegnare nella scuola secondaria,  è necessario infatti essere in possesso di 24 crediti formativi (CFU) nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e metodologie e tecnologie didattiche, che possono essere conseguiti durante il corso di laurea, oppure iscrivendosi a dei corsi ad hoc organizzati dalle Università . A partire dal 2020 questi crediti servono a chi si vuole iscrivere per la prima volta nelle graduatorie d’istituto e nelle graduatorie provinciali per le supplenze. Lo stesso requisito è richiesto anche per partecipare al concorso ordinario. Si potrà partecipare per una sola classe di concorso anche se il titolo di laurea ovvero diploma consente l’accesso a più classi di concorso. 

INSEGNANTI DI SOSTEGNO

Per diventare insegnanti di sostegno ci sono due diverse procedure: 

  1. Una prima procedura riguarda la selezione per conseguire il titolo di sostegno, per partecipare alle selezioni per la specializzazione sul sostegno è necessario possedere il titolo di accesso ad una classe di concorso e il possesso dei 24 crediti formativi nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e metodologiche, oppure l’abilitazione su una classe di concorso (non servono in questo caso i 24 cfu)
  2. Una seconda  procedura serve per diventare di ruolo su posti di sostegno. Possono partecipare al concorso per sostegno coloro che possiedono uno dei seguenti requisiti:
  •  titolo di accesso ad una classe di concorso, i 24 crediti formativi e la specializzazione su sostegno;
  •  abilitazione su una classe di concorso e specializzazione su sostegno.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diventare insegnante: percorso di studi e abilitazione, tutto quello che c'è da sapere

ForlìToday è in caricamento