rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
life Forlimpopoli / Via Crocette, 34

Forlimpopoli, raccolta oli alimentari a gonfie vele: installato un bidone più capiente

Sono esclusi gli oli minerali (come ad esempio, gli oli lubrificanti del motore), per i quali occorre rivolgersi alle stazioni ecologiche

Potenziata a Forlimpopoli la raccolta differenziata degli oli alimentari a Forlimpopoli, iniziata lo scorso 29 gennaio scorso. L’attuale colonnina di Via Crocette 34 (all’istituto scolastico Rossetti), che ha raccolto in media 90 kg di oli usati al mese (al 31 luglio vi erano stati conferiti 537 chilogrammi), visto l’elevato utilizzo è stata infatti sostituita con una di dimensioni maggiori.

Una raccolta più capillare, comoda e pulita - Prosegue così il progetto, avviato da Hera nell’autunno scorso nei principali Comuni serviti, per ampliare questo tipo di raccolta differenziata, che in precedenza era effettuata principalmente nella stazione ecologica di via Emilia Est 1 (accanto al depuratore), e nell’Ecomobile-Rup Grillo (operativa il primo giovedì del mese in Piazza Trieste dalle 8 alle 12), a cui ci si può ancora rivolgere. Gli eleganti contenitori stradali sono stati progettati appositamente per la raccolta degli oli alimentari, cioè gli oli adoperati in cucina, quelli da frittura o utilizzati per conservare gli alimenti nei vasetti (ad esempio tonno e sottoli). Esclusi, invece, gli oli minerali (come ad esempio, gli oli lubrificanti del motore), per i quali occorre rivolgersi alle stazioni ecologiche. L’olio può essere conferito nei contenitori all’interno di normali bottiglie o flaconi in plastica, chiusi con il loro tappo: non è quindi necessario versare direttamente l’olio nelle colonnine o nei contenitori, superando il rischio di imbrattare/sporcare l’ambiente circostante. Un servizio, insomma, più pulito.

L’olio vegetale usato, un pericolo per l’ambiente - L’olio vegetale, se versato nelle fognature, può provocare danni al sistema di depurazione e alle reti fognarie, causando un importante aggravio al sentito problema dell’inquinamento ambientale. Inoltre, se finisce nell’ambiente o se viene versato impropriamente nell’acqua o nel suolo, anche un solo litro di olio può contaminare seriamente la falda e le acque superficiali, formando una pellicola che ostacola l’ossigenazione dell’acqua. Queste le ragioni per cui smaltire in maniera corretta l’olio alimentare esausto può garantire la salvaguardia dell’ambiente: recuperare questo rifiuto liquido, proprio per la sua natura, è una sfida importante che richiede impegno e collaborazione di tutti i cittadini e degli enti locali.

Ogni anno sono 5 i kg di oli vegetali procapite restituiti all’ambiente come rifiuti - In base ai dati delle stime di fonte ministeriale e del Conoe (Consorzio Obbligatorio Nazionale di raccolta e trattamento oli e grassi vegetali e animali esausti), sono 280.000 le tonnellate di olio vegetale usato, circa 5 kg procapite (di cui la metà prodotta dai privati cittadini e l’altra metà prodotta dalla ristorazione e dall’industria), che ogni anno restituiamo all’ambiente, specialmente sotto forma di residuo di fritture e inevitabilmente ricco di sostanze inquinanti. Ciò a fronte di 1 miliardo 400mila kg di olio vegetale (direttamente come olio alimentare o perché presente in altri alimenti) immesso al consumo, per un consumo medio procapite di circa 25 kg su base annuale.

Se opportunamente raccolto e trattato, l’olio alimentare può produrre energia o biodiesel

Grazie a questa operazione, l'olio raccolto, opportunamente trattato, viene utilizzato per produrre energia elettrica o biodiesel: con 1.000 tonnellate di olio alimentare è possibile produrre energia elettrica per sostenere i consumi di circa 4.000 abitanti, mentre da un litro si ricavano circa 0,85 litri di biodiesel. Una volta a regime, con questa iniziativa si stima di poter intercettare oltre 3.000 ton/anno di olio alimentare esausto che consentiranno di evitare il consumo di circa 6.000 ton/anno di petrolio equivalente (TEP) e l'emissione in atmosfera di circa 18.500 ton/anno di CO2.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forlimpopoli, raccolta oli alimentari a gonfie vele: installato un bidone più capiente

ForlìToday è in caricamento