menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Turisti dalla Russia in arrivo al Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi

Per il presidente del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Luca Santini “questa è una grande opportunità che è in grado di coniugare sostenibilità ambientale e sviluppo locale"

Il progetto di promo commercializzazione che il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna ha attivato con l’Apt della Regione Emilia Romagna e Unione Appennino Verde entra nel vivo e con l’arrivo del primo gruppo di turisti dalla Russia da mercoledì a sabato agosto si raccolgono i primi risultati. In questa prima fase oltre 150 gli operatori turistici contattati in tutta l’area del Parco Nazionale a partire dallo scorso marzo, oltre 50 le strutture ricettive visitate dal Tour Operator che avrà il compito di predisporre i pacchetti e commercializzarli nei vari mercati.

Due educational si sono svolti in giugno e in luglio con tour operator russi ed ucraini che hanno mostrato un grande interesse per le attrazioni che l’area protetta è in grado di offrire dalla natura, al mangiare sano e di qualità, ai prodotti artigianali, ai borghi storici che raccontano la storia di queste terre. Per il presidente del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Luca Santini “questa è una grande opportunità che è in grado di coniugare sostenibilità ambientale e sviluppo locale. Abbiamo bisogno di ridare fiducia agli operatori turistici che hanno deciso di investire in questo territorio; il Parco, con questo progetto, mette in rete l’intera area protetta, ma soprattutto sta sostenendo il turismo e sta creando  opportunità in grado di dare quello sviluppo economico tanto atteso”.

“Un turismo di qualità e sostenibile in linea con quelle che sono le finalità di un Parco Nazionale - continua Santini - un turismo slow che permette di valorizzare i territori e di conoscere tradizioni, luoghi e persone, accessibile a tutti su cui vogliamo investire risorse ed energie in grado di migliorare la qualità della vita a partire da coloro che hanno deciso di vivere qui”.

Il progetto entrerà, a partire dal mese di settembre, nella fase più operativa  dalla raccolta dei dati di tutti gli operatori turistici, che hanno già aderito in questa prima fase a quelli che vorranno aderire, alla stesura dei pacchetti turistici che tengano conto delle peculiarità naturalistiche, storiche ed enogastronomiche da percorrere a piedi, in bici, a cavallo e magari utilizzando anche il treno, laddove è presente. Predisporre quindi prodotti turistici ecosostenibili in grado di integrare e mettere in rete le risorse dei nostri territori.In ottobre è previsto inoltre l’arrivo di un gruppo di turisti brasiliani per un soggiorno sportivo in bici che sosteranno anche nel Parco Nazionale.

Soddisfazione ha espresso Liviana Zanetti, la Presidente di Apt Servizi Regione Emilia Romagna per il lavoro fin qui fatto a dimostrazione che unendo le forze e le risorse si possono ottenere risultanti importanti. Il turismo verde è in continua crescita e il nostro progetto ha l’obiettivo di richiamare turisti in un Appennino dalle tante potenzialità durante tutto l’arco dell’anno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento