Meteo

Meteo, l'instabilità ha le ore contate. L'estate non è finita, torna l'alta pressione con caldo gradevole

Da venerdi l'espansione dell'alta pressione da ovest darà vita ad una fase piu calda, anche se non non particolarmente eccessiva

Ultime ore d'instabilità sulla Romagna. La depressione nord-atlantica, che ha portato temporali ed una notevole rinfrescata, sta scivolando verso sud, seguita da correnti settentrionali. Giovedì e venerdì sono attese ampie schiarite e temperature gradevoli, con le massime che oscilleranno attorno ai 30°C. Da venerdi l'espansione dell'alta pressione da ovest darà vita ad una fase piu calda, anche se non non particolarmente eccessiva. Le temperature sono attese in graduale aumento con valori massimi che si prevede arriveranno a toccare punte intorno a 34/35°C.

L'approfondimento - Alla scoperta della grandine con Pierluigi Randi

Spiega Pierluigi Randi, tecnico meteorologo e vicepresidente dell'Associazione Meteo professionisti Ampro: "Il nuovo campo di alta pressione non dovrebbe riportare i termometri ai valori della scorsa settimana; anche l’umidità relativa sarà inferiore, per cui nella seconda parte della settimana ci si aspetta un caldo “gradevole” e tipico della piena estate. L’alta pressione potrebbe resistere per diversi giorni, quindi la fase stabile potrebbe essere abbastanza prolungata".

Sul medio lungo-termine, aggiorna Randi, "l'estate è ancora lunga, per cui altre ondate saranno possibili anche se non si possono prevedere al momento attuale. Entro la profondità temporale che garantisce una maggiore attendibilità (5-7 giorni) non sono attese ondate di caldo importanti o simili a quella della scorsa settimana, ma la storia climatologica ci insegna che onde di calore severe possono aversi anche nella terza decade di agosto e nella prima di settembre, per cui non possiamo ancora accantonare questa eventualità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meteo, l'instabilità ha le ore contate. L'estate non è finita, torna l'alta pressione con caldo gradevole

ForlìToday è in caricamento