La neve imbianca tutta la collina. Ma non è finita: i fiocchi attesi anche in pianura

La neve, annunciata dagli esperti meteo anche attraverso un'allerta di Protezione Civile, ha imbiancato anche la fascia pedecollinare, mentre in pianura non si è andati oltre a qualche fiocco tra la pioggia a causa delle precipitazioni troppo deboli

Risveglio ovattato per l'entroterra forlivese. La neve, annunciata dagli esperti meteo anche attraverso un'allerta di Protezione Civile, ha imbiancato anche la fascia pedecollinare, mentre in pianura non si è andati oltre a qualche fiocco tra la pioggia a causa delle precipitazioni troppo deboli. Col salire di quota le nevicate si sono fatte via via più consistenti. Nella vallata del Montone la Statale Tosco Romagnola è bianca da San Benedetto in Alpe, con obbligo di catene montane sul passo del Muraglione, dove lo spessore ha raggiunto i dieci centimetri. Il tratto è presidiato dagli agenti della Polizia Stradale di Forlì, distaccamento di Rocca San Casciano, che hanno soccorso due veicoli, e dai mezzi spazzaneve e spargisale dell'Anas. L'insidia maggiore è quella del ghiaccio.

Le misurazioni

La dama bianca ha ovviamente baciato anche la diga di Ridracoli, il cui volume è superiore al 37% (12,4 milioni di metri cubi). Neve abbondante sul crinale, dove la colonnina di mercurio si è stabilizzata intorno ai -6°C. Dai rilevamenti effettuati venerdì mattina da parte del Comando Stazione Forestale Carabinieri, riportati nella pagina Facebook Meteo-PedemontanaForlivese, sono caduti circa 5 centimetri di neve a Portico-San Benedetto (577 metri) 12 centimetri in Campigna (1130 metri) mentre ai Fangacci a quota 1432 metri sono stati rilevati 16 centimetri.

Al Passo della Braccina (1008 metri) il manto ha toccato 15 centimetri, a Premilcuore 10, a Predappio 2, mentre a Santa Sofia 1 centimetro. Il crinale si sta preparando al meglio alla stagione invernale che debutterà ufficialmente il 22 dicembre, ma sicuramente già da questo fine settimana i ciaspolatori e amanti della bianca non si faranno sfuggire l'occasione per un primo appuntamento sulla neve. Per informazioni è possibile contattare l'hotel Granduca (tel. 0543.980051) o l'albergo lo Scoiattolo (0543. 980052).

Le previsioni

Le previsioni indicano una tregua per sabato, quando il cielo si presenterà sereno o poco nuvoloso. Il servizio meteorologico dell'Arpae non esclude residui addensamenti sui rilievi orientali dove saranno possibili locali precipitazioni nevose sulle cime più alte. Le temperature sono attese in diminuzione nei valori minimi, con gelate diffuse, mentre le massime oscilleranno tra 4 e 6°C. Domenica il cielo sarà nuvoloso con precipitazioni che dal primo pomeriggio ad iniziare dal settore occidentale ed andranno ad interessare gradualmente l'intero territorio regionale, assumendo carattere nevoso anche in pianura. Le temperature minime sono attese in lieve aumento comprese tra -2 e 0 gradi, mentre le massime tra 2 e 5 gradi. Lunedì, annuncia l'Arpae, "sono previste nevicate al mattino, con rasserenamenti dal pomeriggio e cielo sereno nella giornata di martedì. Successivamente tendenza a peggioramento con annuvolamenti mercoledì e precipitazioni diffuse, a carattere nevoso anche a quote basse giovedì. Temperature in diminuzione martedì con gelate notturne diffuse in pianura".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

  • Dopo la collisione cade sull'asfalto, le auto lo schivano: paura in A14 per un centauro

  • Oltre un milione di spettatori per il servizio sull'ospedale di Forlì in onda su Rai Tre

  • La "Panda" diventa un'auto stupefacente: la droga era nascosta nel pianale, tre arresti

Torna su
ForlìToday è in caricamento