menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arriva un nucleo di aria fredda dal nord Atlantico: sulle vette si attende la prima neve invernale

Sono le conseguenze di un nucleo di aria fredda nord-atlantica, i cui effetti si faranno sentire anche sulla Romagna nella nottata tra mercoledì e giovedì

Attesi i primi fiocchi di neve dell'inverno meteorologico 2019-2020 sui rilievi romagnoli, localmente a quote più basse. Sono le conseguenze di un nucleo di aria fredda nord-atlantica, i cui effetti si faranno sentire anche sulla Romagna nella nottata tra mercoledì e giovedì. La giornata di mercoledì inizierà all'insegna del bel tempo, con possibili brinate, soprattutto nelle aree rurali, dove le temperature oscilleranno tra 0-2°C. Seguirà un graduale aumento della nuvolosità. Sono previste deboli precipitazioni nella notte tra mercoledì e giovedì, che tenderanno ad esaurirsi già nel corso della mattina. I fenomeni assumeranno carattere nevoso sui rilievi e a tratti potranno verificarsi anche al di sotto dei 1000 metri, ma con scarsi accumuli.

Il servizio meteorologico dell'Arpae Emilia Romagna specifica che "permane una situazione di incertezza determinata da una continua variazione degli scenari previsti dai modelli". Sarà un giovedì freddo, con temperature massime che non si spingeranno oltre i 5-6°C. Anche il venerdì di Santa Lucia, per il transito di una nuova veloce perturbazione, potrebbe essere a tratti bagnato, anche se le precipitazioni appaio più probabili sul settore centro-occidentale. Per il weekend è atteso un miglioramento generale delle condizioni meteorologiche con tempo stabile e soleggiato. Ci sarà un graduale rialzo delle temperature, soprattutto per quando concerne i valori massimi, mentre le minime oscilleranno tra 1 e 3°C. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento