rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
Meteo

Prima neve in cima, "oro blu" per Ridracoli. In arrivo altre precipitazioni

Dopo mesi di caduta libera, s’inverte la curva della diga di Ridracoli. Il passaggio perturbato tra sabato e domenica ha fatto alzare il livello dell’invaso di 30 centimetri, toccando quota 521,93 metri alle 12.30

Dopo mesi di caduta libera, s’inverte la curva della diga di Ridracoli. Il passaggio perturbato tra sabato e domenica ha fatto alzare il livello dell’invaso di 30 centimetri, toccando quota 521,93 metri alle 12.30, ancora ben distante dal livello di sforo a 557.33 metri. La perturbazione ha portato la prima neve al Monte Falco, a quota 1658 metri, ma i fiocchi si sono a tratti anche a quote inferiori. Altre precipitazioni sono attese già da lunedì sera.

Lunedì, informa il servizio meteorologico dell’Arpae, il cielo si presenterà “sereno o poco nuvoloso al mattino per il transito di nubi medio-alte, con foschie e locali banchi di nebbia nelle pianure prossime al Po. Dal pomeriggio rapido aumento della nuvolosità con piogge sui rilievi centro-occidentali, in estensione all'intero territorio regionale nel corso della serata/notte. Neve sulle vette appenniniche. Le temperature minime sono previste in diminuzione, comprese tra i 3 dei capoluoghi delle pianure interne ed i 7 gradi della costa, con valori di qualche grado inferiori in aperta campagna; mentre le massime saranno stazionarie o in lieve locale diminuzione, con valori tra 10 e 13 gradi. I venti al mattino saranno deboli occidentali sulle pianure e da sud-ovest sui rilievi. Dal pomeriggio aumento della ventilazione sui rilievi e sulla costa dai quadranti meridionali e tra est e nord-est sulle pianure, specie quelle più settentrionali”.

Martedì, invece, “il cielo si presenterà molto nuvoloso o coperto con piogge diffuse e a tratti intense nella prima parte della giornata, in graduale esaurimento a partire dal pomeriggio dal settore occidentale. Nevicate sui rilievi al di sopra dei 900-1.200 metri. Le temperature minime sono attese in aumento, più sensibile sul settore occidentale, con valori tra 6 e 9 gradi, mentre le massime in diminuzione, comprese tra gli 8 gradi delle pianure centrali ed i 12 gradi della costa. I venti inizialmente tra deboli e moderati da sud-est lungo la costa ed intorno a nord-est sulle rimanenti aree. Nel corso della mattina rotazione dai quadranti occidentali con rinforzo dal pomeriggio, più marcato sulla Romagna e soprattutto in mare aperto”.

Mercoledì e giovedì, aggiorna Arpae, “l'instaurarsi di un flusso nord-occidentale con condizioni debolmente anticicloniche, favorirà condizioni di tempo stabile ma con temperature minime in diminuzione e vicine agli zero gradi nelle pianure più interne. Venerdì l'approssimarsi di una saccatura atlantica porterà ad un aumento della nuvolosità e a locali nebbie sulle pianure, mentre sabato appare probabile un ulteriore aumento della nuvolosità con deboli precipitazioni sparse”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima neve in cima, "oro blu" per Ridracoli. In arrivo altre precipitazioni

ForlìToday è in caricamento