menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raffiche di vento sferzano la Romagna. Altro che inverno, temperature primaverili

Un tepore primaverile proprio nei "giorni della merla", quelli più freddi secondo un luogo comune diffuso

Ma dov'è finito il Generale Inverno? Quest'anno pare essersi preso un lungo periodo di letargo. Poca, se non nulla, la neve caduta in Appennino. Mentre si continua a fare i conti con temperature anomale. Martedì la colonnina di mercurio si è spinta oltre i 15°C. Un tepore primaverile proprio nei "giorni della merla", quelli più freddi secondo un luogo comune diffuso. Lo sbalzo all'insù delle temperature è da attribuire ai venti di caduta dall'Appennino, il cosidetto Garbino, accesi dal passaggio di una perturbazione atlantica foriera di rovesci sull'area tirrenica e sui rilievi centro-occidentali dell'Emilia Romagna.

RAFFICHE DI VENTO - Interventi dei Vigili del Fuoco

Alle 15 il termometro segnava in città ben 16,9°C, mentre la raffica di vento più intensa è stata di 82,08 chilometri orari. La Protezione Civile aveva diramato un'allerta "gialla" per vento per la fascia pedemontana e crinale. Ed è proprio sul crinale che si sono registrate le raffiche più intense, come quella registrata a Monte Palareto (Meldola) di 83,7 chilometri orari, a San Savino (Modigliana) di 75.6 e a Predappio di 72,4 chilometri orari (dati rete Asmer Emilia Romagna Meteo). Un'attenuazione della ventilazione è attesa da mercoledì, con conseguente lieve calo delle temperature. L'alito del Garbino ha effetti diretti sull'aria, con riduzione degli inquinanti che nei giorni scorsi erano tornati sopra la soglia di guardia.

Gennaio cederà il testimone a febbraio con tempo stabile e clima mite per il periodo. La causa è da attribuire all'estensione di un campo di alta pressione subtropicale "mangia-inverno", che garantitrà l'alternanza di schiarite ed annuvolamenti. Le temperature sono attese con poche variazioni o in lieve aumento a fine periodo, più sensibile sui rilievi, su valori superiori a quelli previsti dalla norma climatologica. Il piccolo dell'alta pressione è atteso tra il 4 e il 5 febbraio. Anche questo è meteo estremo. E l'inverno? Qualche segnale di risveglio pare esserci a cavallo della prima decade del mese. Ma questa è fanta meteorologia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento