Martedì, 15 Giugno 2021
Partner

A Forlì i ticket sanitari si pagano in farmacia grazie a pagoPA

Il servizio pagoPA entra in farmacia: il passato si incontra col futuro grazie alla possibilità di pagare i ticket sanitari direttamente in farmacia

Quando si pensa a una figura che ha resistito al trascorrere degli anni, anzi dei secoli, viene subito in mente il farmacista. Oggi si è abituati a vederlo come un professionista che dà consigli ed è in grado di ascoltare chi si rivolge a lui, una sensibilità che deriva dal suo passato in cui si occupava quasi esclusivamente della preparazione di persona dei medicinali.

Il ruolo del farmacista nel passato

La centralità del farmacista ha fatto sì che nell’800 venisse chiamato anche “speziale” perché aveva a che fare con spezie ed erbe medicinali da cui ricavava i principi attivi. La fiducia nei suoi confronti è cresciuta progressivamente ad inizio ‘900 proprio grazie alle preparazioni galeniche (farmaci prodotti direttamente in laboratorio) che interessavano vari ambiti come la cosmetica o la cura di piccole patologie. Questa centralità pian piano venne meno dopo la prima guerra mondiale con l’avvento delle produzioni industriali che andarono a sostituire i medicinali preparati dai farmacisti.

Da quel momento in poi i farmacisti galenici diventarono una rarità e soltanto negli ultimi trent’anni si è scoperto un nuovo interesse verso questa pratica. Questa lunga tradizione è rimasta ben presente a Forlì in cui non è raro trovare professionisti con un laboratorio per mettere a frutto le conoscenze sui farmaci galenici.

Il ruolo del farmacista oggi

I “farmacisti preparatori” di oggi ascoltano le necessità di chi si rivolge a loro per farsi preparare un medicinale, offrendo un servizio personalizzato, ma la loro visione moderna li spinge ad aumentare la gamma di prestazioni.

Tra questi servizi rientra a pieno titolo la “Semplificazione e innovazione digitale” che rende possibile dal 1° marzo 2021 il pagamento dei ticket sanitari per prestazioni specialistiche e ambulatoriali attraverso lo standard pagoPA. Satispay, da sempre attenta alle innovazioni e all’offerta di servizi aggiuntivi, ha sviluppato per le farmacie e le parafarmacie una versione ad hoc di Connect, la soluzione B2B per accettare i pagamenti del circuito pagoPA.

Come pagare il ticket in farmacia

Grazie a Connect, farmacie e parafarmacie aderenti al servizio hanno a disposizione un’interfaccia tecnologica che rende più semplice l’esperienza di pagamento.

Così, il cliente non solo potrà acquistare medicinali o altri prodotti, ma anche pagare i ticket sanitari usando ogni strumento di pagamento, come contanti, carte di credito o di debito, bancomat e app di pagamento digitale come Satispay. L’operazione è veloce e semplice, infatti con Connect basta far scansionare il QR Code del bollettino e l’importo viene incluso nella ricevuta del cliente: questa avrà valore di quietanza di pagamento e avrà all’interno i dettagli dell’operazione.

Scarica l’app Satispay e scopri le farmacie più vicine aderenti al servizio Connect.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Forlì i ticket sanitari si pagano in farmacia grazie a pagoPA

ForlìToday è in caricamento