Politica

Di Maio a Salotto blu: "Ecco perché ho lasciato il Pd. Appoggio Bonaccini"

"Non mi trovavo più a mio agio in un partito che ha decisamente accentuato la svolta a sinistra", ha detto il parlamentare forlivese

Marco Di Maio, ex deputato del Pd confluito nei giorni scorsi nel gruppo parlamentare di Italia Viva, ha spiegato le ragioni della sua scelta conversando a VideoRegione con Mario Russomanno.  "Non mi trovavo più a mio agio in un partito che ha decisamente accentuato la svolta a sinistra - ha detto il parlamentare forlivese - richiamando al suo interno dirigenti di Leu. Noi però non faremo guerra al Pd, anzi garantiamo appoggio al Presidente Bonaccini in occasione delle prossime elezioni regionali". "In Romagna già oltre 250 persone hanno espresso interesse per la nostra iniziativa ma solo dopo il 20 ottobre, dopo l'assise della Leopolda, comincerà anche qui l'attività di comunicazione e proselitismo", ha spiegato Di Maio.

Che ha negato di avere responsabilità nella sconfitta subita dal Pd alle elezioni comunali forlivese: "Annunciai ufficialmente che non mi sarei candidato a sindaco nel luglio del 2018. Da allora mi sono messo a disposizione, ho proposto anche qualche candidatura proveniente dalla società civile che non è stata presa in considerazione. Le ragioni della sconfitta vengono da lontano, si riferiscono soprattutto alle divisioni e alla litigiosità interne".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Maio a Salotto blu: "Ecco perché ho lasciato il Pd. Appoggio Bonaccini"

ForlìToday è in caricamento