Politica

Acis Santa Sofia, Bartolini (Pdl): "La Regione intervenga per la cassa integrazione"

Di recente i sindacati hanno sottoscritto un accordo con il curatore fallimentare nominato dal tribunale di Forlì al fine di garantire a gran parte dei lavoratori dell’azienda 18 mesi di cassa integrazione straordinaria

“Il 23 settembre scorso è stata avviata la procedura di fallimento del Gruppo Acis di Santa Sofia che, occupando più di 250 lavoratori della zona ha rappresentato per anni la FIAT dell’alta Val Bidente. Di recente i sindacati hanno sottoscritto un accordo con il curatore fallimentare nominato dal tribunale di Forlì al fine di garantire a gran parte dei lavoratori dell’azienda 18 mesi di cassa integrazione straordinaria e l’avvio delle procedure di mobilità. Ho chiesto, pertanto, alla Giunta regionale di intervenire presso il Governo affinché il Ministero del Lavoro conceda senza indugi la cassa integrazione straordinaria ai lavoratori del Gruppo Acis e di verificare che, in ottemperanza alla cassa integrazione in deroga concessa grazie all’intervento dell’Amministrazione regionale, vengano al più presto pagati ai lavoratori i mesi di stipendio arretrati e vengano loro date risposte definitive riguardo a tfr e fondi pensione”. È quanto ha dichiarato Luca Bartolini, Consigliere regionale del Gruppo FI-PDL, commentando la risoluzione depositata in Regione.


“Mi auguro infine, che da le istituzioni locali tutte, diano particolare attenzione e sostegno a chi cercherà di dare continuità lavorativa in loco ai lavoratori di questa Società per evitare un ulteriore e mortale  spopolamento della montagna”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acis Santa Sofia, Bartolini (Pdl): "La Regione intervenga per la cassa integrazione"

ForlìToday è in caricamento