menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aeroporto Mussolini, sindaco duro: "Danno di immagine"

"Il danno d'immagine che, al netto delle intenzioni provocatorie, è stato generato dalla sola idea sconsiderata di dedicare a Benito Mussolini l'aeroporto di Forlì, è notevolissimo"

Il danno d’immagine che, al netto delle intenzioni provocatorie, è stato generato dalla sola idea sconsiderata di dedicare a Benito Mussolini l’aeroporto di Forlì, è notevolissimo. - interviene di petto il sindaco di Forlì, Roberto Balzani - Alla città e pure al sottoscritto, visto che una parte della popolazione crede in buona fede che il Balzani in questione sia io”. Dopo il polverone che si è alzato intorno alla proposta fatta dall'altro Balzani, Massimo, direttore di Unindustria, la questione è finita, oltre che sui quotidiani nazionali, anche su Facebook.

“Questa mattina, dal Ruggito del Coniglio ai programmi radiofonici di approfondimento della Rai, per non parlare della stampa nazionale, - spiega il sindaco - l’iniziativa era associata ad altri estemporanei e bizzarri recuperi di “cose del Ventennio”, al di fuori di qualsiasi contesto e serietà. Certo, una città che ambisce ad uscire dal cono d’ombra della provincia, esige una classe dirigente all’altezza della sfida: se no, le nostre “eccellenze”, vere o presunte tali, finiscono per essere sepolte dalle risate e dal ridicolo, così tipiche delle “cronache italiane” d’altri tempi”, va giù pesante il primo cittadino.


“Ora, la mia modesta proposta è quella di concentrarsi, se possibile, sul tanto di serio che quotidianamente i forlivesi fanno, dalla scuola al lavoro, dimostrando col loro silenzioso impegno di essere migliori di gran parte di coloro che li guidano o che vorrebbero guidarli nel prossimo futuro.Non abbiamo bisogno di trovate ad effetto, che fra l’altro ci riportano alle caricature del periodo post-bellico, al complesso del dittatore di cui parlava Giorgio Bocca, alle battute da caserma con tanto di fez e di orbace. Quelle lasciamole al passato. - conclude Balzani con una frecciata diretta al suo omonimo - E cerchiamo, la prossima volta che impugniamo qualcosa da lanciare, di prendere in mano almeno un giavellotto, non un boomerang”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento