menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aeroporto Ridolfi, la Lega: "Salvare il polo di formazione"

"Dall'ormai ex aeroporto 'Ridolfi' di Forlì arrivano 'tristi presagi'. Dopo la chiusura dello scalo - e gli 'appetiti' cinesi - non vorremmo che anche il polo di formazione facesse la stessa fine"

“Dall’ormai ex aeroporto ‘Ridolfi’ di Forlì arrivano ‘tristi presagi’. Dopo la chiusura dello scalo - e gli 'appetiti' cinesi - non vorremmo che anche il polo di formazione facesse la stessa fine. La Regione - che ne ha competenza - faccia ‘scudo’ ad un’eventuale chiusura”. Lo chiede il consigliere regionale Stefano Cavalli (Lega Nord) che ha presentato un’interrogazione con cui chiede alla giunta di attivarsi - anche presso l’Ente nazionale dell’aviazione civile (Enac) - per salvare il polo tecnologico aeronautico forlivese, per ora sopravvissuto alla ‘chiusura’ dell’aeroporto ma, fa notare il consigliere, “minacciato da servizi sempre più carenti” e da ‘buchi’ nell’attività di vigilanza".

"Il centro conta nel complesso oltre mille iscritti e ha al suo interno: una facoltà universitaria, l’istituto tecnico ‘Baracca’ e l’Enav Academy, scuole di volo e un simulatore di ultima generazione usato in media per mille ore di formazione all’anno. Al Polo - avverte Cavalli - si starebbero progressivamente “delocalizzando le manutenzioni e il rifornimento degli aerei”, con conseguenti disagi per gli studenti impegnati nelle esercitazioni. Non sarebbe inoltre garantita “la prescritta attività di vigilanza antincendio”.

“Segnali che non vorremmo fossero l’anticamera della scomparsa del Polo” commenta il consigliere del Carroccio, che sottolinea come - da Costituzione - la competenza degli aeroporti civili sia propria delle Regioni.  

“La giunta scenda quindi in campo - chiede Cavalli - per assicurare il Polo al territorio, anche valutando - di concerto con Enac - la possibilità di un piano di utilizzo dell’aeroporto, per non disperdere il patrimonio di risorse, investimenti e professionalità costruito in questi anni”. Sul tema ad attivarsi in Comune a Forlì è stato il capogruppo del Carroccio Paola Casara che nei giorni scorsi ha presentato un question time, auspicando l’intervento della giunta. “E’ fondamentale che tutte le istituzioni - dice - facciano squadra per scongiurare il rischio chiusura di un'eccellenza riconosciuta anche all’estero. Attendiamo rassicurazioni quanto prima. Pensare di abbandonare un polo di qualità e prestigio - capace di generare un importante indotto economico sul nostro territorio - sarebbe un’ipotesi scellerata”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento