menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al Parco urbano continua l'epidemia dei conigli

Al 20 novembre non ci risulta che ad oggi l'epidemia sia ancora stata domata. In merito alle cifre non ce le hanno ancora fornite

Ad ormai alcuni mesi dallo scoppio dell'epidemia di mixomatosi nei conigli del parco urbano F. Agosto di Forlì, il capogruppo del PdL Stefano Gagliardi interroga per sapere “se l'epidemia è stata domata, se corrisponde al vero che i costi dell'operazione, ad oggi, siano di poco inferiori ai 36mila euro, se è vero che per catturare un singolo coniglio sia stata spesa una somma media pari  a 54 euro ovvero, tenuto conto del peso medio  di 2 kg, questi animali costano ai forlivesi quasi tre volte di più del filetto”.


“La prima cattura  - ricorda Gagliardi - era stata effettuata senza onere alcuno per l’amministrazione, grazie all’utilizzo degli ATC (associazione privata sotto il controllo pubblico per la gestione dell’attività venatoria) che gratuitamente e volontariamente hanno prestato la loro opera? perché non si è proseguito a costo zero? Forse per compiacere gli animalisti o pseudo tali, senza pensare né ai costi a carico della collettività, né che comunque in ogni caso i poveri animali, in quanto ammalati, vengono soppressi?”. Risponde il vicepresidente Guglielmo Russo: “La competenza sull’intervento non è nostra, ma del Comune. Al 20 novembre non ci risulta che ad oggi l’epidemia sia ancora stata domata. In merito alle cifre non ce le hanno ancora fornite”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento