Alea, il Pd contro Mezzacapo: "Cambio di atteggiamento strumentale". La replica: "La situazione lasciata dal Pd era disastrosa"

Vaccari ricorda "l'aggressiva campagna elettorale di poco più di un anno fa" dell'esponente della Lega, "quando veniva additata come una società che andava “contro i diritti dei forlivesi”".

Il vicesindaco Daniele Mezzacapo "rivendica merita non suoi". Questo l'intervento di Maria Teresa Vaccari, segretaria dell'Unione Comunale Pd Forlì, a commento delle parole di soddisfazione del vicesindaco circa i risultati ottenuti da Alea Ambiente. Vaccari ricorda "l'aggressiva campagna elettorale di poco più di un anno fa" dell'esponente della Lega, "quando veniva additata come una società che andava “contro i diritti dei forlivesi”".

"Questi erano risultati attesi, perchè insiti nel modello adottato e già previsti nei piani di Alea al momento della sua costituzione, e non sono quindi una sorpresa per chi ci ha creduto fin dall'inizio - prosegue l'esponente dem -. La sorpresa è piuttosto per il radicale e strumentale cambio di atteggiamento del ViceSindaco che, nel rivendicare meriti non suoi, tra l'altro, si dimentica di riconoscere il ruolo essenziale dei cittadini forlivesi, che in larghissima parte hanno risposto a questo radicale cambiamento con grande spirito civico, collaborazione e maturità. Sarebbe utile sapere inoltre quale lavoro è stato fatto “in silenzio” dall'amministrazione per arrivare a ribaltare completamente il giudizio della Lega su Alea. Per esempio le tariffe sono definite a livello regionale e non dal Comune".

Rimarca Vaccari: "Il Partito Democratico forlivese, le amministrazioni Balzani e Drei come capofila di un progetto che ora vede coinvolti 13 comuni del comprensorio, hanno cominciato oltre 10 anni fa un lungo e faticoso percorso, superando numerosi ostacoli normativi, amministrativi, politici, economici e culturali, con uno scopo preciso: la società post-incenerimento e il raggiungimento degli obiettivi indicati dalle direttive europee e, a livello locale, la realizzazione di un distretto del riciclo e la chiusura dell'inceneritore. La nostra comunità e gli amministratori di centrosinistra hanno avuto un ruolo fondamentale nel sostegno alla legge di iniziativa popolare che ha portato all'approvazione dell'attuale legge regionale sull'economia circolare 16/2015, fortemente osteggiata proprio dalla Lega".

"Noi siamo sempre stati convinti che fosse necessario e più efficace separare la gestione della raccolta dei rifiuti da quello del loro smaltimento, attraverso la costituzione di una società pubblica, e attivare la raccolta domiciliare porta a porta con tariffa puntuale, partendo da due principi: “chi più inquina più paga” e i rifiuti devono essere considerati una risorsa della comunità - continua -. La conferma che questa sia la strada giusta viene dai risultati presentati poche settimane fa dalla Regione: la percentuale di raccolta differenziata ottenuta dai Comuni soci di Alea (82%) è superiore alla media regionale e in largo anticipo rispetto agli obiettivi indicati per il 2020 e la qualità del rifiuto riciclato ha bassissimi indici di scarto".

"Il recente rendiconto di Alea - prosegue - evidenzia, inoltre, altri importanti vantaggi, dopo il necessario periodo di assestamento affinchè l'intero sistema entrasse a regime, nel primo anno di esercizio 2019 i costi complessivi del servizio sono diminuiti e quindi quelli medi sulle utenze, in particolare quelle domestiche; si è ridotta la produzione dei rifiuti (-30%), attraverso la grande responsabilizzazione dei cittadini e grazie alla capillarità del servizio, sono stati identificati numerosi evasori. Alla luce di queste considerazioni, confermiamo convintamente il nostro sostegno al progetto Alea, esprimiamo soddisfazione per i risultati ottenuti e vigileremo affinchè questa società di proprietà pubblica prosegua il suo percorso per raggiungere gli obiettivi per cui è nata, nell'interesse di tutta la comunità forlivese".

La replica

Risponde Mezzacapo: "Quando ha cominciato a lavorare la Giunta Zattini, la situazione di Alea, lasciata dal Pd, era disastrosa, la qualità del servizio pessima e lo scarso decoro sotto gli occhi di tutti. Anche il previsto aumento in termini di raccolta differenziata non risultava pervenuto mentre, a nostro avviso, la sudditanza di Alea ad aziende non romagnole era inaccettabile. Diffusi gli abbandoni di rifiuti, favoriti dall'assenza di una campagna di comunicazione e da una inefficace azione di controllo. Per non parlare delle tariffe che risultavano praticamente fuori controllo. Era sbagliato lamentarsi? Era sbagliato chiedere un azzeramento e una ripartenza? Quel che abbiamo deciso, dopo aver esaminato la situazione in modo approfondito, è stato di fare la cosa giusta negli interessi dei cittadini e cioè rivoltare come un calzino l'azienda e renderla efficiente. Non c'è alcun atteggiamento strumentale in questo ma solo buona politica amministrativa. Che il miglioramento intervenuto nella gestione di Alea fosse un risultato atteso suona come una barzelletta. Un anno fa si annunciava un disastro mentre ora la situazione è divenuta accettabile e pronta a dover migliorare ulteriormente, sia per qualità del servizio, sia con l'abbassamento delle tariffe".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento