Alessandrini: “Terzo Settore, in arrivo dalla Regione 400mila euro ”

Anche per l’anno 2013 la Regione Emilia-Romagna ha definito un unico Piano per gli interventi economici destinati al sostegno e alla qualificazione dei soggetti operanti nel Terzo settore

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Anche per l’anno 2013 la Regione Emilia-Romagna ha definito un unico Piano per gli interventi economici destinati al sostegno e alla qualificazione dei soggetti operanti nel Terzo settore, quali espressioni organizzate delle autonome iniziative dei cittadini, al fine di favorire l’attuazione del principio di sussidiarietà e di consentire la programmazione e la realizzazione di interventi che possano rispondere a bisogni individuabili come rilevanti nell’attuale contesto sociale ed economico. «La Regione considera il Terzo settore una ricchezza inestimabile di attività ed esperienze che le cittadine e i cittadini autonomamente organizzati attuano sul territorio per migliorare la qualità della vita, delle comunità, attraverso percorsi, anche innovativi, basati su equità, giustizia sociale, sussidiarietà e sviluppo sostenibile – spiega il consigliere regionale del Pd Tiziano Alessandrini – per questo motivo, nonostante sia sempre più difficile avere disponibilità di bilancio, non ci si è  mai sottratti dal ritenere  questo settore, un settore fondamentale».

«Si tratta di 400 mila euro, così ripartiti: – spiega Alessandrini - 100 mila per le organizzazioni di volontariato per valorizzare in modo prioritario le azioni di sensibilizzazione dei giovani cittadini alle attività solidaristiche, di pubblica utilità, di servizio civico, che possano potenzialmente generare un processo evolutivo di comunità e garantire ai giovani di coniugare la valorizzazione delle proprie attitudini con l’efficienza di servizio alla propria comunità. I restanti trecentomila euro sosterranno le attività delle Associazioni di Promozione Sociale (Aps). 150 mila euro saranno destinati alle Province con prevalente destinazione all’attivazione e/o il potenziamento di sportelli informativi e di consulenza per le APS, ovvero alle attività che favoriscano la più ampia partecipazione delle APS territoriali all’individuazione delle proprie rappresentanze anche a livello regionale, ovvero per percorsi formativi programmati d’intesa con i Forum o Osservatori provinciali del Terzo Settore. Gli altri 150 mila euro per le Aps serviranno a: sostegno di un progetto gestito in rete dalle associazioni regionali per la promozione e valorizzazione del Codice di Autoregolamentazione (50 mila euro), e supporto all’implementazione della rete regionale dei Forum o Osservatori provinciali del Terzo settore (100 mila euro)»

Torna su
ForlìToday è in caricamento