rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Politica

Alluvione e danni, Peruzzini ("Noi con Drei") chiede una commissione consiliare ad hoc

Il consigliere comunale Mario Peruzzini ha presentato un'interrogazione al sindaco Davide Drei per dar voce al "disagio che mi hanno rappresentato numerosi abitanti del quartiere Ronco"

La lista civica "Noi con Drei" chiede l’istituzione di una commissione consiliare ad hoc sull'alluvione dello scorso 6 febbraio "affinché i rappresentanti dei Cittadini siano messi nelle condizioni ideali per verificare l’operato della pubblica amministrazione che, ancora ad oggi, non ha dato alcuna indicazione, nemmeno sul modus operandi per una generica quantificazione preventiva dei danni per capire se le risorse stanziate siano o meno adeguate".

Il consigliere comunale Mario Peruzzini ha presentato un'interrogazione al sindaco Davide Drei per dar voce al "disagio che mi hanno rappresentato numerosi abitanti del quartiere Ronco interessati anche loro dal fenomeno ma, inspiegabilmente, trascurati". I cittadini, aggiunge l'esponente della lista civica, sono "preoccupati della possibilità che tali eventi possano ripresentarsi anche causa di fattori “controllabili” come il sistema di raccolta e deflusso delle acque chiare, oppure i fossi di scolo come il “Correcchio”, che presentano tubi di dimensioni sempre più ridotte probabilmente inadeguati nel caso di abbondanti piogge; ma anche il mancato livellamento dei fossi stradali e la diminuita ricettività idrica del terreno per il mutato assetto viario, residenziale e commerciale, senza dimenticare la tangenziale, che per altezza di scavi poterebbe aver interessato le falde acquifere, non a caso in quella zona si trova via “Fontanelle”".

Gli abitanti del Ronco, come quelli nelle frazioni di Branzolino, Roncadello, S. Tomè, San Martino Villafranca, Villafranca e Villanova, spiega Peruzzini, vogliono avere "la contezza sui tempi e le modalità delle azioni che l'amministrazione comunale ha posto o intende porre in essere per individuare le cause e cercare di prevenire o limitare gli effetti di tali eventi". Ricordando che il Governo riconoscendo lo stato di “calamità naturale” ha stanziato 14 milioni di euro che si sommano ai 5 milioni della Regione Emilia Romagna, Peruzzini "vuole anche comprendere come si intende procedere nel censimento dei danni subiti e come si intende avviare l’iter per eventuali risarcimenti, tenuto conto che, a tutt’oggi, non risulta alcuna iniziativa in tal senso se non l’istituzione di un “tavolo tecnico” che ha avuto non poche difficoltà a riunirsi registrando anche la volontaria assenza di qualche soggetto".

L'interrogazione non è stata discussa nell'ultimo consiglio comunale di martedì scorso. Per questo motivo l'esponente della lista civica chiede "l’istituzione di una Commissione Consiliare ad hoc affinché i rappresentanti dei Cittadini siano messi nelle condizioni ideali per verificare l’operato della Pubblica Amministrazione che, ancora ad oggi, non ha dato alcuna indicazione, nemmeno sul modus operandi per una generica quantificazione preventiva dei danni per capire se le risorse stanziate siano o meno adeguate".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione e danni, Peruzzini ("Noi con Drei") chiede una commissione consiliare ad hoc

ForlìToday è in caricamento