menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alluvione a Villafranca, Zoffoli (Pd) replica a Pompignoli (Lega): "Pasticcia sui contributi"

Questa la replica di Paolo Zoffoli, candidato Pd alle prossime elezioni regionali, in merito ai rimborsi previsti per le popolazioni colpite nel maggio scorso dall'ondata di maltempo

Il consigliere della Lega Massimiliano Pompignoli "pasticcia sui contributi". Questa la replica di Paolo Zoffoli, candidato Pd alle prossime elezioni regionali, in merito ai rimborsi previsti per le popolazioni colpite nel maggio scorso dall'ondata di maltempo. L'esponente dem evidenzia come Pompignoli si sia "soffermato solo sul dato più “basso” dei bandi che disciplinano i termini, le finalità e le modalità per il riconoscimento dei contributi". Argomenta Zoffoli: "Innanzitutto è bene ricordare che se la Regione Emilia-Romagna non avesse chiesto e ottenuto lo stato di emergenza, non avremmo ottenuto la copertura statale. Poi, è doveroso fare alcune precisazioni sul percorso attraverso il quale ricevere contributi e sulle possibilità di rimborso".

"Per i danni subiti da privati e attività produttive - continua il consigliere uscente - è possibile presentare domanda di rimborso, accompagnata da relativa perizia certificata da un tecnico entro il prossimo 2 marzo. Nello specifico, i cittadini privati che hanno subito danni all’abitazione principale o alla seconda casa potranno chiedere gli indennizzi per il ripristino, la ricostruzione dell’abitazione distrutta o la sua delocalizzazione, la sistemazione o sostituzione di serramenti interni ed esterni, degli impianti di riscaldamento, idrico-fognario ed elettrico, di ascensori montascale e beni mobili, non registrati, come arredi ed elettrodomestici".

Zoffoli precisa anche alcuni dati sulle coperture: "Per le abitazioni principali, gli indennizzi potranno coprire fino all'80% dei danni nel limite massimo di 150 mila euro; il tetto potrà salire fino a un massimo di 187 mila 500 euro per le case distrutte o da delocalizzare, destinate ad abitazioni principali del proprietario alla data dell'evento, con l'aggiunta di 10 mila euro “una tantum” per le demolizioni, se necessarie. Per le seconde case invece il contributo potrà invece arrivare fino al 50% e comunque nel limite massimo di 150 mila euro. In entrambi i casi, per danni superiori a 10 mila euro, alla domanda deve essere allegata una perizia asseverata. Per i beni mobili non registrati, ad esempio gli arredi, si prevede un contributo di 300 euro a vano, fino a un massimo di 1.500 euro. Quindi il collega Pompignoli cita solo una parte del contributo possibile, ed ovviamente per pura propaganda, quella minore". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento