Alluvione, polemica sull'emendamento. Morrone contro Di Maio: "Era senza senso"

"In questo caso si potrebbe proporre una class action contro chi eventualmente ha causato i danni", afferma Morrone

"Marco Di Maio specula sulla vicenda accaduta a San Martino in Villafranca rischiando di ingannare la gente per la sua scarsa conoscenza del regolamento parlamentare e solo per qualche voto in più. Ma le bugie hanno le gambe corte e questo leoncino da tastiera è stato prontamente smentito". Il segretario della Lega Romagna, Jacopo Morrone, interviene così in seguito all'intervento dal parlamentare forlivese. L'esponente del Carroccio parla di "illazioni orchestrate da Di Maio, fatte circolare nella frazione a due giorni dal voto".

L'intervento di De Girolamo: "Attacco privo di fondamento"

"Di Maio cerca ovviamente, con la disinformazione, di far passare notizie falsate contro il Governo - continua Morrone -. Ma fa un buco nell’acqua trascinandosi dietro chi lo segue. Il suo emendamento è senza senso, per questo è risultato inammissibile. Probabilmente perché scritto in fretta e furia ad uso e consumo elettorale. E, ancora peggio, avrebbe potuto tradursi in un’ulteriore beffa per i danneggiati. In questa zona, infatti, non è tanto l’ondata di maltempo ma pare un errore umano ad avere causato i problemi".

"In questo caso si potrebbe proporre una class action contro chi eventualmente ha causato i danni - aggiunge -. Su questi eventi bisogna riflettere insieme alla popolazione e alle istituzioni competenti e avere capacità e conoscenze anche giuridiche per arrivare a un risultato soddisfacente per tutti. L’emendamento Di Maio puntava solo a screditare il Governo, senza alcun interesse per la popolazione locale. Chi specula su una disgrazia ingannando i cittadini per qualche voto in più dà la misura della propria etica. Forse Di Maio avrebbe fatto certamente meglio a proseguire la sua vacanza in Australia invece di accumulare l’ennesima figuraccia a Forlì".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento