Anas stanzia fondi per la Statale 67, Zelli: "Ecco quali sono i punti critici"

"Se quanto enunciato verrà realizzato sarà un fatto decisamente positivo. Pur avendo effettuato verifiche sommarie, quindi potrei essere smentito e spero ardentemente che possa succedere, devo constatare però che ancora una volta l'Anas si è letteralmente dimenticata della situazione in cui versa la Strada Statale 67", sostiene Zelli

Soddisfazione da parte del primo cittadino di Dovadola, Gabriele Zelli, per i 130 milioni di euro per gli interventi di riqualificazione o di manutenzione straordinaria della Statale 67 Tosco Romagnola, previsti nel Piano pluriennale Anas 2015-2019 presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio. "Una buona notizia, finalmente, anche perché nel prossimo triennio verranno spesi oltre 20 miliardi di euro avendo programmato, fino al 2019, interventi su 3.600 chilometri di strade, cercando di recuperare i ritardi accumulati nel tempo avendo certezze di finanziamenti destinati alla manutenzione straordinaria e alle opere di messa in sicurezza, al completamento e alla costruzione di nuove strade - esordisce Zelli -. I vertici dell'azienda hanno dichiarato che si tratta di una vera e propria svolta rispetto al passato, quando la programmazione basata sulle disponibilità finanziare legate al contesto politico del momento costringeva l'azienda a interventi a macchia di leopardo e a lasciare incompiute molte opere".

"Se quanto enunciato verrà realizzato sarà un fatto decisamente positivo. Pur avendo effettuato verifiche sommarie, quindi potrei essere smentito e spero ardentemente che possa succedere, devo constatare però che  ancora una volta l'Anas si è letteralmente dimenticata della situazione in cui versa la Strada Statale 67, da sempre uno dei principali collegamenti tra la Romagna e la Toscana, tra Ravenna e Firenze - afferma il sindaco -. Mi limito a ribadire quali sono i punti critici lungo il tratto di strada che attraversa il territorio del Comune di Dovadola e che necessitano di un intervento tempestivo, tutti nella parte di strada lato fiume: al Km 172+170 la sottostante scarpata necessita di un intervento straordinario di consolidamento al fine di bloccare il fenomeno franoso in atto che sta interessando la careggiata stradale; al km 170+900 il bordo strada è da consolidare in quanto franato a causa delle avversità metereologiche del mese di febbraio 2015 (per ora sono stati apposti da parte di Anas new jersey in plastica per segnalare il pericolo); al km 168+350 è necessario un intervento di consolidamento della strada dov'è in atto un altro movimento franoso che sta interessando la sede stradale con pericolo di crollo della stessa".

"Tralascio la necessità di evidenziare che in alcuni tratti il manto stradale andrebbe sostituito e  lascio agli altri colleghi sindaci, con i quali in questi anni abbiamo sempre in modo unitario investito di questi problemi le autorità e gli enti competenti, il compito di completare il desolante quadro in cui versa la Strada Statale 67", conclude Zelli.

Potrebbe interessarti

  • Proteggi la tua casa dai ladri: 9 consigli da applicare prima di andare in vacanza

  • 5 agriturismi con piscina per combattere il caldo a Forlì e dintorni

  • Micosi sulle unghie dei piedi: 5 rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Incendio nella zona industriale, in fiamme rifiuti industriali: fumo visibile a chilometri di distanza

  • Resta incastrato con la testa in una pressa: infortunio sul lavoro in una ditta di arredamenti

  • Ha combattuto per anni contro un tumore: si è spento il cuore generoso del pizzaiolo Giovanni Fasciano

  • "Senza stipendio da due mesi", due apprendiste si dimettono: dipendenti di un supermercato in sciopero

  • Ha combattuto la Sla con "la dignità di una leonessa": addio a mamma Cristina

  • Sorpresi dalla violenta grandinata: paura per due escursionisti

Torna su
ForlìToday è in caricamento